Auto "cannibalizzate" e ricambi: scovato deposito di mezzi rubati in via Tiro a segno

A scoprirlo alcuni agenti di polizia che hanno trovato una trentina di macchine "sparite nel nulla" tra agosto e novembre scorsi nel ventre dell'ecomostro che si trova vicino alla sede di Amg. Indagini a carico di ignoti

Il deposito in via Tiro a Segno

Auto ancora integre, carcasse già "cannibalizzate" e un vasto campionario di pezzi di ricambio da vendere sul mercato nero. La polizia - durante un normale servizio di pattugliamento - a sorpresa ha scovato in via Tiro a segno, a pochi passi dalla sede di Amg, un deposito dove c’erano almeno trenta macchine e diversi scooter, circondato da alcuni garage trasformati in officine dove smontare le macchine e recuperarne i pezzi di ricambio. Al momento l'indagine risulta a carico di ignoti, ma presto la polizia potrebbe ricomporre le varie tessere del puzzle e risalire all'identità dei responsabili.

Di fronte a un'auto già mezza smontata che si scorgeva dalla strada gli investigatori hanno deciso di avvicinarsi e approfondire, ma mai avrebbero immaginato ciò che stavano per scoprire: il quartier generale di quella che sarebbe un’organizzazione che basa i propri affari proprio su un giro di ricettazione e rivendita di pezzi per auto. Nell'area, ricavata negli scantinati di un edificio rimasto incompleto e abbandonato, c'erano anche cataste di lamiere destinate a essere vendute come ferro vecchio.

Le laboriose operazioni che hanno coinvolto i poliziotti del Gabinetto regionale della Scientifica hanno consentito di risalire a quasi tutti i proprietari dei mezzi (che sono stati tutti restituiti).

deposito auto rubate via tiro a segno foto aerea-2

Nelle ultime 24 ore diversi equipaggi dell'Ufficio di prevenzione generale e pubblico soccorso hanno presidiato la zona per consentire l’inventario dei mezzi rubati, il controllo delle targhe e la verifica dei numeri di telaio. Vicino pezzi di ricambio e accessori praticamente catalogati in vista di eventuali vendite. I mezzi sarebbero stati rubati tra lo scorso agosto e novembre, ma solo gli ulteriori accertamenti della polizia - che sta contattando i proprietari delle macchine che ne avevano denunciato il furto - potranno fornire qualche conferma.

A pochi passi da lì, ad aprile 2017, la polizia ha recuperato una pistola che era stata rubata anni prima. Due poliziotti si trovavano a bordo della loro volante in via Tiro a segno quando hanno notato tre giovani sospetti. Uno di loro che, temendo di essere fermato, è scappato a piedi e durante la fuga è stato visto mentre si sbarazzava dell’arma lanciandola sotto un’auto parcheggiata: si trattava di una Magnum 358 oggetto di un furto risalente a 9 anni prima in casa di un agente della Squadra Mobile.

Potrebbe interessarti

  • Pesciolini d'argento, piccoli ma così fastidiosi: come eliminarli dalle case palermitane

  • Al sole sì ma con il filtro giusto, cosa non deve (mai) contenere una crema solare

  • Che rumori, questa casa non è un inferno: come insonorizzare un'abitazione a Palermo

  • Addio pelle secca, cosa fare (e non) per scongiurarla anche con prodotti naturali

I più letti della settimana

  • Incidente in corso dei Mille, scontro fra un'auto e uno scooter: morto un giovane

  • Lo Stato vende 30 immobili in Sicilia, quattro le occasioni a Palermo e provincia  

  • Sferracavallo, stuprata mentre aspetta il treno per l'aeroporto: fermato diciannovenne

  • L'incidente di corso dei Mille, muore in ospedale anche il cugino di Montesano

  • Via Roma, mostra il dito medio alla polizia: arrestato dopo un parapiglia

  • Incidente sulla Palermo-Catania, si ribaltano due mezzi: una ferita

Torna su
PalermoToday è in caricamento