Entrano nella riserva naturale con armi da caccia, denunciati 4 palermitani a Piana

E' successo a Serre della Pizzuta, area protetta della Regione. Dal comando provinciale dell'Arma fanno sapere: "Si tratta di un luogo in cui è vietata l’attività venatoria"

Operazione antibracconaggio da parte dei carabinieri. Il bilancio è di quattro palermitani denunciati. In azione i militari di Santa Cristina Gela e Piana degli Albanesi, con il supporto di personale del corpo forestale regionale. Le forze dell'ordine hanno eseguito diversi servizi finalizzati al contrasto del fenomeno del bracconaggio e al controllo del rispetto della normativa vigente in materia di attività venatoria.

Sono stati battuti, in particolare, i territori della riserva naturale orientata Serre della Pizzuta, area naturale protetta della Regione Sicilia, nella zona di Piana degli Albanesi. "Nel corso dei controlli quattro palermitani sono stati denunciati - dicono i carabinieri - poiché si erano introdotti nella riserva con armi da caccia. Si tratta di un luogo in cui è vietata l’attività venatoria. Una condotta proibita e sanzionata penalmente dalla normativa".

Le armi sono state sequestrate e i quattro dovranno rispondere del reato di 'introduzione non autorizzata di armi in area protetta' previsto dalla legge 394/1991. Altri tre  cacciatori, inoltre, sono stati sanzionati amministrativamente "per il mancato rispetto degli adempimenti previsti dalla normativa regionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Calcio palermitano in lutto, è morto Carmelo Bongiorno

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Reddito di cittadinanza, parte la fase 2: i lavori socialmente utili diventano obbligatori

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento