"Io, licenziato per aver denunciato la presenza di telecamere in ufficio"

Due volte cacciato e due volte reintegrato: il protagonista della vicenda è un impiegato del poligono di tiro di Palermo, Guglielmo Canino, che ha deciso di raccontare la sua storia a Radio Articolo1, l'emittente nazionale della Cgil

La strada di accesso al poligono di via Nave

Ha conquistato le cronache suo malgrado per un doppio licenziamento, annullato dal giudice, una doppia  vittoria contro il datore di lavoro. Due volte licenziato, due volte  reintegrato. Guglielmo Canino, dipendente del Poligono di Tiro di  Palermo, seguito nella sua vertenza dalla Slc Cgil e difeso dall'avvocato Pietro Vizzini, ha raccontato la sua storia ai microfoni di Radio articolo 1, l'emittente nazionale della Cgil. "Io voglio semplicemente rientrare al mio posto e riprendere a  lavorare serenamente, senza atti discriminatori", dice.

La storia  inizia nel 2016, a quell'anno risale il primo licenziamento. "Verso fine 2014 avevo cominciato a ravvisare condotte strane da parte del datore di lavoro, che cercava quotidianamente di estromettermi dall'attività o addirittura di farmi rassegnare le dimissioni -  racconta -. Cominciavo a non poter organizzare la mia vita privata,  ero soggetto a cambiamenti continui di orario, venivo marcato stretto  fino a quando, a un certo punto, decido di chiedere l'assistenza  dell'organizzazione sindacale, segnalando quelle condotte che non  rientravano all'interno di un sano rapporto di lavoro". 

"Mi accorgo anche che viene installato un impianto di  videosorveglianza e che una telecamera viene rivolta di fronte al mio  posto - prosegue -. Segnalo tutto alla Slc, che a novembre 2015  inoltra una denuncia all'Ispettorato del lavoro". L'Slc Cgil si  attiva. "Alcuni atteggiamenti erano talmente palesi che per noi è  stato chiaro fin dall'inizio che il licenziamento era ritorsivo e  discriminatorio - dice il segretario generale Slc Cgil Maurizio Rosso  - Eravamo certi di poterlo dimostrare e ci siamo riusciti".

Dopo una sentenza di primo grado e una sentenza della Corte d'appello  favorevole al lavoratore, il datore di lavoro, evitando il ricorso in  Cassazione, manifesta la disponibilità alla reintegra, al pagamento  delle mensilità arretrate e del contributo previdenziali. "Per  ricevere i soldi che mi spettavano e le mensilità, ho dovuto attivare  azioni esecutive - racconta ancora Canino - Il 23 aprile 2018 mi  ripresento puntualmente al posto di lavoro. Dopo appena tre ore di  lavoro, ricevo la seconda lettera di licenziamento, con le motivazioni identiche alla prima: palese riduzione dell'attività e riduzione degli incassi". Il lavoratore impugna nuovamente il licenziamento. Ora il  Tribunale del lavoro ha deciso nuovamente la reintegra e la condanna  dell'azienda ai pagamenti assistenziali e previdenziali dovuti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (17)

  • Lui un canino, l'altro, un cane...

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Comunque a tia  a divisa ti manca, questo è sicuro.

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Archimede mettici un tappo in bocca ma non lo ingoiare.

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Scusate ma allora tutti gli impianti di video sorveglianza non rispettano il regolamento! 

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Scusi Angelo, anche il poligono è un'attività ché al riguardo richiede più di altri settori la video sorveglianza in questione. 

    • Certo che richiede la video sorveglianza, ma non può essere installata in violazione della legge.

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Moderatore ci sei??

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Ringrazia il moderatore  

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Comunque Archimede, sappi ché il moderatore ti viene padre.

    • Avatar anonimo di archimede
      archimede

      Ti viene più padre a te il moderatore credimi...

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Archimede, io dentro casa mia faccio quello che mi pare 

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Dietro un telefono solo un poco di buono può infierire. 

    • Scusi a chi si riferisce?

  • Avatar anonimo di archimede
    archimede

    Senza paura....certo invece il datore di lavoro è onesto vero? Forse sei anche tu datore di lavoro??? I principali siti na manata ri ..... Se sei palermitano lo capisci perfettamente...

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Si purtroppo con le leggi che ci sono, un imprenditore con tutte le tasse che paga deve dare conto e soddisfazione dentro casa sua pure agli operai. Io dentro la mia attività non posso montare l'impianto di video sorveglianza perché il mio impiegato non e libero di ammuinare? E mi denunci pure? Io pure 30 anni di carcere mi faccio, ma un deficiente di questo dentro casa mia non me la fa questa cascata.

    • Se lei dubita del suo impiegato, si rivolga all'autorità giudiziaria. Pagare le tasse le rende merito ma no la autorizza a violare la legge così come non la deve violare il suo impiegato.

    • Sei così ignorante da non capire che il luogo di lavoro non è casa tua? Il poligono non è una casa ma un luogo di lavoro, è quindi devi rispettare leggi e regolamenti.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il camionista palermitano che sognava una strage in nome dell'Isis: convalidato il fermo

  • Economia

    Reddito di cittadinanza, provincia di Palermo sul podio nazionale: accolte 26.204 istanze

  • Cronaca

    "Calmi, nessuno si farà male": con le tute da imbianchino e la pistola rapinano Carrefour

  • Cronaca

    Villabate, furto in chiesa durante la Settimana Santa: rubati il pc del parroco e le offerte

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Tragico incidente in auto, morto ragazzo palermitano di 20 anni

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

Torna su
PalermoToday è in caricamento