Chiede il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a lavorare (in nero), denunciato

Primo caso nelle Madonie. Nei guai due coniugi che avevano presentato la domanda senza comunicare alcuna variazione patrimoniale. Multe salate per il socio-amministratore della ditta sottoposta a controlli per irregolarità in materia di sicurezza del lavoro

(foto archivio)

Aveva presentato la richiesta per ottenere il sussidio ma è stato sorpreso a lavorare, in nero, in un cantiere edile. Ed è così che sono stati scovati i primi due furbetti del reddito di cittadinanza in Sicilia. I carabinieri hanno denunciato alla Procura di Termini Imerese due coniugi, residenti nelle Madonie, per il reato di indebita percezione del reddito di cittadinanza. Nei guai anche il socio-amministratore della ditta che era finito nel mirino dei controlli. Contestate sanzioni amministrative per 5 mila euro e comminate ammende per 52 mila euro.

All’accesso nel cantiere aperto in un comune delle Madonie (di cui non è stato fornito il nome) i carabinieri del Nucleo operativo del gruppo carabinieri per la Tutela del lavoro si sono imbattuti nel lavoratore irregolare. “La moglie - spiegano dal Comando provinciale - lo scorso mese aveva presentato la domanda (accolta ma con pagamento non ancora eseguito) per il reddito di cittadinanza per il nucleo familiare, omettendo di comunicare le previste variazioni al patrimonio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il socio-amministratore della ditta edile è stato sottoposto ad alcuni controlli in materia di sicurezza sul lavoro da cui sarebbero emerse varie irregolarità, aggiungono i carabinieri, come “l’uso di ponteggio metallico non idoneo, la mancanza parapetti, l’uso di cavi elettrici senza precauzione contro contatto indiretto, la mancanza servizi igienici, l’assenza personale addetto alle emergenze, la mancanza di aree stoccaggio materiale, la mancata formazione e informazione dei lavoratori; il Piano di montaggio, uso e smontaggio mancante dei contenuti minimim l’omessa sorveglianza sanitaria lavoratori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • E' subito folla alla Vucciria, Taverna Azzurra quasi come in periodo "pre-Covid"

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento