Rubava bici, plafoniere e anche monitor dai palazzi della "Palermo bene": denunciato

La polizia è risalita al 32enne che faceva razzia negli androni di numerosi palazzi in zona Libertà. Colpiva di notte per poi rivendere la refurtiva al mercato di Ballarò. Recuperate due bici del valore di 4 mila euro

I poliziotti con le bici rubate in via Paternostro e recuperate

I suoi obiettivi preferiti erano i condomini della "Palermo bene", dove rubava di tutto: costose biciclette, plafoniere, faretti e anche i monitor dei sistemi di videosorveglianza. Poi metteva la refurtiva in vendita nei mercatini di Ballarò. La polizia ha denunciato un pregiudicato palermitano di 32 anni, di cui non sono state rese note le generalità, con l’accusa di furto e ricettazione.

L’uomo colpiva di notte e si concentrava sugli edifici in zona Libertà. Così gli agenti della sezione Investigativa del commissariato Politeama, dopo indagini e appostamenti, hanno notato il 32enne aggirarsi tra gli edifici già "ripuliti" nel recente passato e hanno atteso il momento giusto per il blitz.

Ad esser presi di mira erano anche gli androni muniti di videosorveglianza. Il ladro, invece di "spaventarsi" veniva attirato dai monitor, sistematicamente staccati dai contatti e rubati. Dopo aver incrociato un'impronta papillare con i dati in possesso del gabinetto regionale di polizia scientifica gli agenti sono risaliti a lui.

Così è scattata la perquisizione che ha permesso di trovare due biciclette con telaio in fibra di carbonio, del valore complessivo di 4 mila euro, recentemente rubate in un garage di via Paternostro. "L’intervento - spiegano dalla Questura - anticipato di poche ore, per stessa ammissione del malvivente, la messa in vendita delle biciclette nel fiorente mercato storico del centro. Vendeva lì la sua refurtiva per monetizzare con profitto ogni suo colpo". Le biciclette sono già state restituite al legittimo proprietario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento