Stanze e bagni abusivi, quattro denunce a Cefalà Diana: scattano i sequestri

I militari di Villafrati hanno effettuato un servizio di controllo del territorio scovando tre cantieri, uno dei quali ancora aperto, non autorizzati. Sigilli su un'area complessiva di oltre 80 metri quadrati

Stanze aggiuntive, rimesse e bagni abusivi. I carabinieri di Villafrati hanno denunciato quattro persone di Cefalà Diana per abusivismo edilizio segnalandoli alla Procura della Repubblica di Termini Imerese. A seguito dei controlli nell’abitazione di due coniugi di 75 e 65 anni i militari hanno trovato un cantiere aperto vicino alla loro proprietà, dove già erano stati alzati i muri.

Un altro settantenne aveva ampliato la propria casa con due stanze, recuperando uno spazio di 33 metri quadrati. Lo stesso aveva fatto un 63enne, all’interno della sua proprietà, che ha costruito una rimessa e un bagno su un’area complessiva di 40 metri quadrati. I quattro soggetti sono stati deferiti in stato di libertà all’autorità giudiziaria di Termini Imerese e i manufatti sono stati posti sotto sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Palmese-Palermo, rissa furibonda tra tifosi rosanero: ci sono feriti

  • Incidente a Corleone, auto sbanda e finisce contro un albero: morto diciannovenne

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Tutti pazzi per il "black friday", ecco i negozi a Palermo dove trovare sconti e fare affari

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Distributore aumatico rotto e sangue ovunque, furto "splatter" all'università

Torna su
PalermoToday è in caricamento