Casa abusiva di 3 piani su albero, condanna a nove mesi per Dell’Utri

La casetta di 70 metri quadrati costruita dall'ex senatore per dedicarsi al bird-watching. I controlli scattarono nel 2009 dopo una denuncia anonima. Il tecnico del comune di Torno però negò ogni irregolarità

Per dedicarsi al bird-watching ha realizzato una costruzione a tre piani su un albero. Abusiva, secondo l'accusa. Perfettamente regolare per l'imputato - il senatore Marcello Dell'Utri - e per il comune di Torno, il luogo in cui si trova la lussuosissima villa con giardino poi venduta dal politico a Silvio Berlusconi, in cui è stata edificata la "casetta".

Oggi per abusivismo edilizio, violazione dei vincoli cimiteriali e alterazione delle bellezze paesaggistiche, l'ex manager di Publitalia, alle prese con una condanna per mafia pendente in appello, è stato condannato dal giudice di Como a 9 mesi di carcere, pena sospesa. La vicenda ebbe inizio nel 2009, quando a seguito di una denuncia anonima, il Comune fece dei controlli nella proprietà di Dell'Utri scoprendo la casetta, di circa 70 metri quadrati.

Scattò la denuncia e l'ordine di demolizione, seguì poi il processo. Citato dal pm, però, l'architetto del Comune contestò la tesi dell'accusa sostenendo che l'edificio fosse smontabile in quanto privo di sostegno di cemento. Inoltre, il tecnico testimoniò che l'imputato aveva sottoscritto l'impegno a rimuovere la costruzione qualora il Comune l'avesse richiesto e aveva rinunciato al ricorso al Tar contro l'ordine di demolizione precedentemente fatto.

L'"assoluzione" a Dell'Utri è arrivata anche dalla Soprintendenza che ha negato l'esistenza di violazioni paesaggistiche. Il giudice, però, non ha condiviso le conclusioni di Comune e Soprintendenza, e oltre a condannare l'imputato ha inviato gli atti al pm perché valuti se incriminare il tecnico per abuso d'ufficio.

“E' sorprendente che a fronte delle stesse dichiarazioni del teste di accusa, l'architetto del Comune di Torno, che ha escluso l'esistenza di violazioni urbanistiche e paesaggistiche, il giudice abbia ritenuto provata la responsabilità penale di Dell'Utri e abbia addirittura inviato gli atti alla Procura per far valutare la posizione del tecnico". Così i legali di Marcello Dell'Utri, gli avvocati Giuseppe Di Peri e Pietro Federico, hanno commentato la condanna del senatore a 9 mesi per costruzione abusiva. "Ammesso e non concesso che ci sia un errore di valutazione da parte del Comune - aggiungono - quale tipo di responsabilità può attribuirsi a Dell'Utri che ha agito in assoluta buona fede e che ha ottemperato a tutte le richieste del comune di Torno?" (Ansa)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Vendono frutta e verdura con il reddito di cittadinanza in tasca, nei guai 2 fratelli

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • "Facciamo sesso a tre o divulghiamo il tuo video hard": condannata coppia che minaccia fidanzata figlio

  • Tuffo all'Acquapark di Monreale, 26enne sarà sottoposto a intervento chirurgico

  • Rientra verso il b&b ma si perde e chiede indicazioni, turista picchiato e rapinato

Torna su
PalermoToday è in caricamento