menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnysuncloudwhitecloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfograinlightblackcloudsleetsnowcelsius

Borgo Nuovo, angolo di città scordato Dall’ex palmeto al plesso Deledda

Le piante sono state uccise dal punteruolo rosso, della scuola è rimasto solo lo scheletro diventato covo per tossicodipendenti, mentre lo spazio verde si è trasformato in discarica. I residenti: "Ci sentiamo abbandonati"

Spazio verde trasformato in discarica

Un angolo di città dimenticato. Parliamo di largo Gibilmanna e largo Mussomeli a Borgo Nuovo, dove i residenti vivono ogni giorno faccia a faccia con il degrado. “Fino a qualche anno fa – ha dichiarato Girolamo Paglino, un abitante della zona - c’era un bel palmeto che poi è stato completamente distrutto dal punteruolo rosso”. Adesso, giorno dopo giorno, aprendo le finestre il panorama cambia in peggio: “Da agosto non si vede più nessuno a fare manutenzione – continua Paglino – e la zona verde si è trasformata in una discarica con piatti di plastica, bottiglie di acqua o di detersivi, cartoni e chi più ne ha, più ne metta”.

Più di una volta i residenti hanno contattato Amia e più di una volta sono arrivate delle promesse che ancora attendono di essere esaudite. Ma i problemi, purtroppo, non finiscono qui. Poco lontano dall’ex palmeto, infatti, c’è l’ex plesso Grazia Deledda, una scuola abbandonata e dilapidata: “Gli infissi li hanno portati via da anni – ha dichiarato Paglino-. La scuola è ormai una struttura-scheletro non utilizzato, forse un covo per drogati”. Ed infine con i residenti abbiamo parlato di un altro grande problema, quello della con campetti di pallavolo e basket non utilizzati, una struttura mai assegnata dal Comune e abbandonata. La palazzina del custode è stata bruciata e vandalizzata e per un certo lasso di tempo è stata perfino la residenza di una famiglia di abusivi.

“Ci sentiamo abbandonati e presi in giro” commenta Paglino che conclude: “Spero che le cose cambino ma ho davvero poca fiducia”. Giovanni Tarantino, consigliere Pd della quinta circoscrizione ha sollevato il caso al Comune e ad Amia: “E’ una situazione che va avanti da mesi, nel caso dei campetti da anni. E’ necessario che le istituzioni facciano qualcosa per il quartiere”.
 

Potrebbe interessarti


    Commenti

      Più letti della settimana

      Torna su