L'appello di Biagio Conte: "Non seminiamo paure, no a una nuova Apartheid"

Il missionario laico si rivolge alla nazione intera in difesa di Paul, il giovane ospite della Missione Speranza e Carità destinatario di un decreto di espulsione: "Anche noi italiani siamo emigranti in tutto il mondo, non ci hanno chiuso le porte"

Biagio Conte con Paul

"Carissima e amata terra d'Italia, non è giusto, la nazione d'Italia non merita abbandonare i suoi figli e i figli di altri popoli. Ricordati e sappi che anche noi italiani siamo emigranti in tutto il mondo, non ci hanno chiuso le porte, perché adesso l'Italia, che è stata sempre aperta, sensibile, accogliente, decide di chiudere le porte, il cuore?". Lo scrive il missionario laico Biagio Conte in un appello rivolto alla nazione intera in difesa di Paul, il giovane ospite della Missione Speranza e Carità da oltre dieci anni destinatario di un decreto di espulsione.

Paul è un ospite della struttura creata dallo stesso Biagio Conte e in sua difesa il missionario ha iniziato lo sciopero della fame e ha deciso di non muoversi da Brancaccio. Luogo non casuale: Paul deve recarsi al commissariato della zona per firmare e poi lì è stato ucciso padre Pino Puglisi.

Dopo 10 anni a Palermo ora rischia l'espulsione, Biagio Conte in digiuno per aiutare Paul

biagio conte brancaccio-3"L'Italia - scrive Biagio Conte - non merita questo ingiusto comportamento, non possiamo dare questo cattivo esempio, per scongiurare che altri Stati possono anche loro indurire il cuore. Italia sei sempre stata un prezioso esempio di umanesimo, non abbandonare i più deboli, i più indifesi. Ti prego, in nome del Buon Dio, per tutte le religioni e anche per chi non è religioso ma è per una vera giustizia, salviamo e così regolarizziamo chi è in Italia da tempo, da anni vive in terra d'Italia, hanno contribuito, non li rendiamo clandestini e così perseguitarli. E non condanniamo e non giudichiamo, scoraggiando chi si prende cura di loro. Attenzione! Non seminiamo paure, terrore, (non ad una nuova apartheid).

Il missionario laico ricorda che "l'Africa nella storia ha subito tantissime ingiustizie, l'Asia, tutto il mondo, non si può pensare di vedere e di fare riconoscere un'Italia dittatoriale e tirannica. Abbandonare gli immigrati a se stessi è un tentato omicidio, un tentato suicidio, una vera ingiustizia con le conseguenze di un aumento dei clandestini, dei senzatetto, della delinquenza, della violenza. Per paura, sconforto possono cadere nelle mani della delinquenza, della malavita, della mafia. Il sentirsi emarginati, esclusi può trasformarli in schegge impazzite, rischiano di cadere ed entrare nelle mani del terrorismo. Italia ravvediti e rivedi tutto con amore e vera umanità per continuare ad essere una terra ospitale".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Suicidio in carcere, detenuto palermitano di 20 anni si toglie la vita

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento