Crolla intonaco di un corridoio, primo giorno di scuola choc al Ragusa Moleti

A cedere parte del tetto al primo piano. I bambini dell'elementare erano già in classe, solo per un puro caso nessuno si è fatto male. Sul posto i vigili del fuoco, l'istituto è stato evacuato. Un genitore: "Mia figlia era pronta a partire per una nuova avventura"

La scuola Ragusa Moleti, foto d'archivio

Crolla l'intonaco del corridoio al primo piano. Primo giorno movimentato al Ragusa Moleti, che si trova nell'omonima via in zona corso Calatafimi. Nessuno è rimasto ferito, ma poteva finire peggio visto che i bambini dell'elementare erano già in classe. La scuola è stata immediatamente evacuata e sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, che stanno mettendo in sicurezza l'edificio e verificando la stabilità della struttura.

Ragusa Moleti, vigili del fuoco verificano stabilità edificio

Sotto choc alcuni genitori. Per alcuni piccoli alunni infatti si trattava del primo giorno di scuola: "Mia figlia - racconta a PalermoToday un genitore - così come altri piccoli alunni era pronta a partire con una nuova avventura. Invece è successo l'impensabile. E se qualche pezzo di tetto avesse colpito un bambino? Alla faccia della sicurezza. Dove sono tutti i milioni di euro di cui parlano i politici per la sicurezza scolastica? Adesso nessuno sa quando riprenderanno le lezioni: immaginate la delusione dei bimbi".

Il Comune: "Forse colpa dell'escursione termica"

"Già stamattina - si legge in una nota ufficiale - è stato avviato un intervento di verifica delle condizioni strutturali e per l'accertamento delle cause del problema. Si è riscontrato che il cedimento ha riguardato una parte di un controsoffitto realizzato circa 10 anni fa, agganciato al vecchio controsoffitto ligneo e di incannucciato, risalente al secolo scorso. In assenza di segnali esterni di alcun tipo (quali crepe o umidità) i tecnici comunali e della ditta incaricata degli interventi di manutenzione ritengono che la causa sia ascrivibile alla notevole escursione termica di questa estate e la conseguente dilatazione delle strutture in legno. Già in mattinata - proseguono dall'Amministrazione - sono partiti dei lavori di messa in sicurezza e di verifica di tutte le aree che hanno analoghe strutture e, di concerto con il dirigente scolastico, si è deciso che la scuola resti aperta al piano terra integralmente e in parte dei piani primo e secondo, mentre si procederà alla chiusura parziale degli ultimi due nei quali il sistema di controsoffitto è analogo a quello in cui si è verificato il distacco di oggi. Di concerto con il Dirigente scolastico, già domani sarà deciso quali formule adottare per rendere i lavori di messa in sicurezza, che richiederanno alcuni giorni, tali da arrecare il minor danno possibile all'organizzazione dell'attività didattica".

Scuola, inizio anno con imprevisto: al liceo Cannizzaro mancano banchi e sedie

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Suicidio in carcere, detenuto palermitano di 20 anni si toglie la vita

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Più di 7 milioni di euro di immobili all'asta, come aggiudicarsi le 36 case in viale del Fante

Torna su
PalermoToday è in caricamento