Palermo e Messina in pole position per la ricostruzione del ponte Morandi a Genova

Nella top ten delle proposte pervenute al commissario Bucci vi sono quella di Fincantieri, con stabilimento nel capoluogo siciliano, e quella dell'impresa messinese Ricciardello. Ance Sicilia: "L'Isola anche in questa occasione dimostra un enorme valore tecnologico e adeguate competenze"

Il ponte Morandi di Genova

Potrebbe passare dalla Sicilia la ricostruzione del ponte Morandi di Genova. Almeno così spera l'Ance regionale. Nella top ten delle proposte pervenute al commissario per la ricostruzione vi sono infatti quella di Fincantieri, con stabilimento a Palermo, e quella dell'impresa messinese Ricciardello.

Per l'Ance "lo stabilimento di Palermo ha già dimostrato grandi professionalità e capacità tecnologiche nella realizzazione di due ponti per il Belgio. L’impresa messinese Ricciardello, investendo risorse in know how e tecnologie, ha saputo formulare un’originale soluzione che tiene conto anche delle richieste espresse dal territorio, come il mantenimento di una parte della struttura preesistente e la realizzazione di un parco urbano in memoria delle vittime del crollo".

“Lungi da noi il volere influenzare le scelte del commissario e comunque vadano le cose – commenta soddisfatto Santo Cutrone, presidente di Ance Sicilia – possiamo in ogni caso sottolineare con orgoglio che la Sicilia anche in questa occasione dimostra un enorme valore tecnologico e adeguate competenze imprenditoriali che la pongono alla pari degli studi griffati di architettura e dei big internazionali delle costruzioni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’Ance Sicilia – conclude Cutrone - auspica, quindi, che le forze politiche della maggioranza, che dichiarano di avere a cuore lo sviluppo del
Mezzogiorno, se ne rendano conto e che per il futuro diano un segnale di discontinuità rispetto ai precedenti governi che hanno sempre preferito i grandi sistemi imprenditoriali, riconoscendo alle sane e coraggiose piccole realtà siciliane e meridionali pari dignità e considerazione e analoghe opportunità per contribuire anch’esse, con le capacità che sanno esprimere, alla ripresa economica del Paese”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

Torna su
PalermoToday è in caricamento