Crollo ponte Genova, anche a Palermo striscioni contro Benetton: "Basta profitti sulle nostre vite"

Militanti dei centri sociali hanno esposto uno striscione per protestare contro le presunte responsabilità del gruppo industriale nel crollo del ponte Morandi. La famiglia Benetton è azionista di Autostrade per l'Italia

La protesta davanti al negozio Benetton

Protesta stamani davanti al negozio Benetton di via Ruggero Settimo. Militanti dei centri sociali hanno esposto uno striscione con scritto "Benetton: intrallazzi, affari, stragi. Basta profitti sulle nostre vite" contro le presunte responsabilità del gruppo industriale nel crollo del ponte Morandi a Genova. La famiglia Benetton è azionista di Autostrade per l'Italia, incaricata della manutenzione del ponte.

Secondo Giorgio Martinico, portavoce dei Centri Sociali di Palermo: "Assistiamo a una gestione della cosa pubblica  dove ha più importanza la costruzione di grandi opere inutili, rispetto alla manutenzione e al potenziamento delle infrastrutture esistenti. Una gestione che impone, anche qui in Sicilia, il pagamento del pedaggio autostradale al Consorzio per le Autostrade Siciliane. Un pedaggio che garantisce alla Regione incassi milionari. Soldi che non vengono utilizzati in investimenti per la messa in sicurezza delle nostre strade. In questo meccanismo perverso a pagarne le conseguenze sono sempre più' deboli, famiglie e persone che lavoravano o che stavano andando in ferie dopo un anno passato a faticare, sensazione che i politici e gli affaristi senza scrupoli non hanno mai provato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • "Palestra trasformata in un ambulatorio del doping", 4 arresti e 16 indagati

  • Reddito cittadinanza, il caso di una coppia di Palermo: "Mentono al Fisco, card sequestrata"

  • Quando Totò Riina fu arrestato: "In carcere le guardie gli urlavano 'Stai zitto, prigioniero'"

  • Calogero non ce l'ha fatta: morto il 27enne malato di linfoma che ha commosso l'Italia

Torna su
PalermoToday è in caricamento