"E' crollato il costone roccioso tra Baida e Boccadifalco, residenti in pericolo"

Lo denuncia Sabrina Figuccia, consigliere dell'Udc al Consiglio comunale: "E' venuto giù come un castello di sabbia, provocando la chiusura al traffico di via Ruffo di Calabria"

Il costone roccioso franato in via Ruffo di Calabria

"E' stata sufficiente qualche pioggia e mezzo costone tra Baida e Boccadifalco è venuto giù come un castello di sabbia, provocando la chiusura al traffico automobilistico della via Ruffo di Calabria e, soprattutto, mettendo in seria apprensione i residenti della zona". Lo denuncia Sabrina Figuccia, consigliere dell'Udc al Consiglio comunale. In realtà un consigliere di circoscrizione ha poi leggermente smorzato la portata della notizia sottolineando che "la causa della chiusura della strada è il muro pericolante non la frana".

"Via Ruffo di Calabria, qui si sbriciola tutto" | VIDEO

Figuccia aggiunge: "Stamattina, dopo il crollo del costone su un lungo tratto della strada, il Comune  ha pensato bene di arginare il problema mettendo qualche metro di rete arancione e bloccando il traffico delle auto. Un accorgimento buono  soltanto per l'immediato, ma certo non risolutivo del problema, considerato che già qualche mese fa, nel giugno 2018, lo stesso Comune aveva emesso un avviso scioccante, con il quale consigliava ai  cittadini di 'trasferire le camere da letto nelle stanze più distanti  dal monte'".

La chiusura della strada ha causato gravi disagi alla circolazione. "Stamattina l'ennesimo crollo, stavolta fortunatamente in una strada  dove non passava nessuno - conclude Figuccia -. Che aspetta il sindaco a mettere in sicurezza il costone? Probabilmente Orlando è troppo  occupato a fare comizi in tv e passerelle sui giornali per cercare di  risolvere concretamente i veri problemi della città".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Le parole della Figuccia, detta Angelo, sono sempre pregne di professionalità e sapienza.

  • La rete arancione era lì da un anno. Parte del costone era già crollato ma, OVVIAMENTE, nulla era stato fatto se non mettere la rete arancione. E se prima in parte aveva già ceduto, e nessuno aveva fatto nulla, quale poteva essere l'evoluzione? Magari se la Sabrina Figuccia fosse passata da lì un anno fa, non sremmo arrivati a questo punto...

Notizie di oggi

  • Video

    Il caso Biondo a Le Iene, il mistero del colpo in testa e dei tweet prima del ritrovamento | VIDEO

  • Politica

    Ex Province, l'assessore Grasso vola a Roma: "Date alla Sicilia le stesse risorse delle altre Regioni”

  • Politica

    Strade e ferrovie nell'Isola? Poche e malridotte: così i siciliani vedono "due Italie"

  • Cronaca

    Termini, gli operai Blutec tornano in piazza: "Vogliamo certezze per il futuro"

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento