Amia, lavoratori oggi in corteo: strade ancora invase dai rifiuti

Situazione difficile a Bonagia, corso dei Mille e nel centro storico. "A rischio il pagamento degli stipendi dei dipendenti". Giovedì vertice tra il Prefetto e il commissario Latella. I lettori segnalano disagi anche in provincia

Via Pietro Merenda, alla Noce (fonte: Facebook)

Da Bonagia a corso dei Mille, da via Altofonte alle vie interessate dal “porta al porta”. Palermo stamattina si è svegliata invasa dalla spazzatura. I cumuli sono causati dallo stato di agitazione dei dipendenti che hanno indetto una serie di assemblee per protestare contro il Comune, “colpevole” di non aver concesso l'adeguamento del contratto di servizio chiesto dai commissari straordinari. E oggi per spiegare i motivi della loro protesta (cioè il rischio di un mancato pagamento degli stipendi dei 2500 dipendenti di Amia e Amiaessemme) nel pomeriggio ci sarà un corteo dei lavoratori che faranno un nuovo volantinaggio.

A cercare di trovare una soluzione ci penserà il prefetto Umberto Postiglione, che ha ottenuto la sospensione delle assemblee in attesa dell’incontro di giovedì con il nuovo commissario Luisa Latella. “L’azione per risanare le casse dell’azienda passerà tra due fasi – afferma Postiglione al Giornale di Sicilia -. La prima quella di contrarre un mutuo per dieci anni con la garanzia della Regione per fare rientrare i debiti. E per questo serve un voto del consiglio comunale. La seconda fase passerà per una lotta all’evasione della Tarsu”.

Intanto i disagi si registrano anche in provincia (dove ovviamente l’Amia non ha responsabilità). Un lettore ci ha inviato delle foto con la situazione dei rifiuti in località Portella della Paglia, frazione del comune di Monreale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento