Accecato dalla gelosia lancia martello alla moglie mentre ha il figlio in braccio: arrestato

Calci, pugni e "coltelli volanti". La polizia ha fermato un diciannovenne ritenuto responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia. Gli agenti hanno notato una donna in fuga con un neonato nei pressi di corso Vittorio Emanuele. Quindi si sono fatti raccontare cosa era successo

Correva in corso Vittorio Emanuele con il figlioletto neonato in braccio. Così gli agenti del commissariato Oreto–Stazione hanno trovato una giovane donna. Sotto shock e con la voce rotta dal pianto, ha raccontato ai poliziotti che era in fuga dal marito e che la sera prima era stata violentemente aggredita dal proprio coniuge, in preda ad un impeto di gelosia. In manette è finito un diciannovenne palermitano, ritenuto responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia. Solo il suono delle sirene ha convinto il ragazzo a non agguantare la moglie e darsi alla fuga. Gli agenti hanno subito preso tra le braccia il neonato che la donna, ancora terrorizzata, stringeva a se con fatica e dopo averla tranquillizzata, si sono fatti raccontare cosa era successo.

La giovane ha spiegato che la sera prima si trovava con il marito in compagnia di altre persone. "Una volta rientrati in casa - spiegano dalla polizia - il marito l'ha accusata, senza alcun fondamento, di intrattenere relazioni sentimentali con altri uomini e non credendo alle risposte della donna che negava decisamente, è andato su tutte le furie sferrandole calci e pugni, nonostante tenesse suo figlio in braccio, e scagliandole contro un martello ed alcuni coltelli, con i quali ha anche tentato di ferirla al volto.

I poliziotti si sono recati nella loro abitazione, completamente messa a soqquadro e sparsi per terra hanno trovato quattro coltelli di varie misure nonchè un martello. La ragazza, rassicurata dai poliziotti, è riuscita a ricorrere alle cure mediche in un nosocomio cittadino, per poi rifugiarsi nella casa dei propri genitori. I poliziotti hanno poi scovato e arrestato l'uomo, "nascosto" in casa di alcuni familiari. Quindi è stato portato al Pagliarelli in attesa di giudizio. 
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      L'incidente di via Arcoleo, morta la bambina sbalzata fuori dall'auto

    • Incidenti stradali

      L’incidente alla Targa Florio, la giovane Gemma ancora in coma profondo

    • Sport

      Scandola-D'Amore su Skoda al comando della Targa Florio

    • Cronaca

      Ospedale Civico, si appisola sul lettino dopo la flebo e le rubano l'iPhone da mille euro

    I più letti della settimana

    • L'incidente di via Arcoleo, morta la bambina sbalzata fuori dall'auto

    • Incidente in via Giorgio Arcoleo, bambina sbalzata fuori da un'auto: è grave

    • Cinisi, si sporge dal balcone per raccogliere delle nespole e precipita: morta una donna

    • Denuncia il pizzo al Borgo e finisce sul lastrico: "Ho chiuso il bar e affogo tra i debiti"

    • Incidente a Isnello, tragedia alla Targa Florio: morti un pilota e un commissario di gara

    • Tremano le Eolie, terremoto avvertito nel Palermitano: scossa di magnitudo 3.8

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento