Coronavirus, dal Nord Italia ripartono i viaggi verso la Sicilia: "Bloccare subito i treni"

A lanciare l'appello al governo nazionale è l'assessore regionale ai Trasporti, Marco Falcone: "Bisogna chiudere potenziali linee di contagio per garantire la tutela della salute della popolazione". Musumeci: "Controlli sui passeggeri". Orlando: "Irresponsabili"

"Gli enormi sacrifici che gli italiani hanno accettato di compiere per fermare il Coronavirus, rischiano di essere vanificati dalle zone d’ombra del decreto #iorestoacasa come il mancato blocco dei treni. Nelle ultime ore, infatti, sembra che sia ripreso il flusso di viaggiatori che lasciano le Regioni del Nord per raggiungere via rotaia il Mezzogiorno, un’emorragia che richiede divieti ancora più stringenti da Roma".

Lo dichiara l’assessore regionale alle Infrastrutture della Regione Siciliana Marco Falcone, che lancia un appello al governo nazionale: "Si blocchino in giornata i treni per il Sud per chiudere così potenziali linee di contagio e garantire la tutela della salute della popolazione, dal personale viaggiante fino ai cittadini delle regioni dove ancora il virus sembrerebbe darci il tempo di issare un argine".

Ieri sera sono partiti due treni pieni di passeggeri da Milano verso la Sicilia e la Puglia. Oltre 20mila persone sono tornate nei giorni scorsi nell'Isola e si sono iscritte alla piattaforma online della Regione. Quasi la metà sono giovani di ritorno dalla Lombardia.

Musumeci: "Controlli a Messina su ogni passeggero in arrivo dal Nord"

"Da ieri in Sicilia - ricorda Falcone - il governo Musumeci ha dimezzato le corse degli autobus pubblici e privati e delle navi traghetto, sospendendo le linee non essenziali. Non escludiamo, per quanto di nostra competenza, un’ulteriore stretta".

Il presidente Nello Musumeci, in merito all'imminente arrivo in treno nell'Isola di numerosi cittadini provenienti dal Nord, ha appena sentito e concordato con il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e con il prefetto di Messina Carmela Librizzi le urgenti iniziative per i necessari controlli sanitari sulle centinaia di passeggeri. "Ho anche dato disposizione ai servizi sanitari regionali, d’intesa con l’assessore Ruggero Razza, ed alla nostra Protezione civile - fa sapere il governatore - di verificare la provenienza dei passeggeri e il loro stato di salute. Intanto ho allertato le nostre guardie del Corpo forestale, che stanno convergendo su Messina. Serve la prudenza e la collaborazione di tutti, specie di chi è in arrivo. Non possiamo vanificare lo sforzo ed il sacrificio che sta compiendo in questi giorni la comunità siciliana".

"Centinaia di persone, dimostrando spesso di non aver compreso la gravità della situazione, si stanno spostando dalle regioni del Nord verso il Sud. Al di là degli aspetti penali - dichiara il sindaco Leoluca Orlando, anche nella sua veste di presidente dell'Anci Sicilia - si tratta di un comportamento comprensibile ma irresponsabile, che non serve a tutelare né la propria salute né quella dei propri cari. Anzi che mette a rischio la salute di tutti. Occorre evitare in tutti i modi i contatti ravvicinati (e sui treni questo è praticamente impossibile) ed occorre che queste persone vengano in qualche modo controllate prima ancora del loro arrivo in Sicilia. Per questo ritengo indispensabile che sia affidato all'Usmaf l'incarico di effettuare dei controlli a Villa San Giovanni, prima ancora che i treni e i passeggeri vengano imbarcati, essendo poi di fatto complicatissimo fare controlli dopo l'arrivo in Sicilia per la miriade di stazioni ferroviarie potenzialmente interessate".

Il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, lancia un appello a quanti ancora arrivano in Sicilia dalle regioni del Nord: "Comprendo l’ansia dei genitori e lo smarrimento dei figli di fronte all’inaspettata epidemia provocata dal coronavirus. Adesso, però, è il momento della responsabilità. Ognuno faccia la propria parte, rispettando le regole imposte dai decreti del governo nazionale e dalle ordinanze del presidente della Regione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Incredibile quanto sta avvenendo nelle ultime ore. Un nuovo esodo dalle regioni del Nord verso quelle del Sud. Il governo ancora una volta non è riuscito a comunicare bene i suoi provvedimenti e a contenere quella che potrebbe rivelarsi una vera e propria bomba atomica per il Mezzogiorno. Sicilia, Calabria, Puglia, Campania non hanno strutture sanitarie adeguate con contrastare un picco dei contagi da Coronavirus. Da Palazzo Chigi prendano, coordinandosi con i governatori regionali, immediate iniziative per tentare di controllare e gestire questo fenomeno. Subito controlli per chi arriva in treno, per chi arriva in macchina, per chi prende i traghetti. Chiediamo senso di responsabilità anche ai cittadini: denunciate il vostro arrivo alle autorità competenti e mettetevi, insieme alle vostre famiglie, in quarantena. L’emergenza non può essere sottovalutata, occorre intervenire tempestivamente”. Lo affermano in una nota congiunta i deputati siciliani di Forza Italia Stefania Prestigiacomo Giusi Bartolozzi, Nino Germanà, Francesco Scoma e Matilde Siracusano.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento