Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

I ricercatori del Dipartimento di scienze economiche, aziendali e statistiche dopo aver studiato per settimane l'andamento con uno speciale modello statistico, si sbilanciano: "Entro il 15 i nuovi casi scenderanno a 10 al giorno". Nel resto del Sud diventeranno 100 entro il 22, in Italia 500 entro il 25

Dopo aver analizzato l’andamento dell’epidemia di Covid-19 sin dalla fine di febbraio e valutato l’efficacia delle misure di contenimento, adesso il gruppo di ricercatori del Dipartimento di scienze economiche, aziendali e statistiche dell’università di Palermo, che ha messo a punto uno particolare modello statistico, si sbilancia e prova anche a fare una previsione. Quando finirà? Questa è la domanda a cui tentano di dare una risposta gli studiosi. E il risultato – che va preso con tutte le cautele del caso, visto che nessuno è ovviamente in grado di prevedere la data precisa della fine di un’epidemia – è che la Sicilia ne uscirà prima di tutti. Non solo prima di un’altra regione del Sud come la Puglia, ma anche del resto del Meridione e del Paese. In base alle stime, infatti, nell’Isola, dove ieri si contavano complessivamente 1.774 contagiati (si parla di attuali positivi e non di contagi totali che sono invece 1996), entro la fine della settimana (per l’esattezza tra mercoledì e sabato) il numero medio di nuovi contagiati al giorno dovrebbe scendere a 20 e si dovrebbe arrivare a 10 entro il 15 (precisamente tra l’8 e il 15).

Il bollettino regionale del 6 aprile

Alla base della ricerca ci sono sempre i dati forniti dalla protezione civile e quella del team – composto da Andrea Consiglio, Vito Muggeo, Gianluca Sottile, Vincenzo Genova, Giorgio Bertolazzi e Mariano Porcu – non è una scommessa al buio come quella di altri studi che azzardano addirittura la data precisa in cui saranno azzerati i contagi. Se si continueranno a rispettare le restrizioni è molto probabile che le indicazioni del modello – che viene quotidianamente aggiornato – si avverino. Un altro fattore che potrebbe far variare la previsione è quello legato al numero di tamponi compiuti in Sicilia: negli ultimi giorni sono quasi raddoppiati rispetto alle settimane scorse e questo potrebbe far venir fuori – paradossalmente – un numero maggiore di positivi proprio mentre si intravede la luce in fondo al tunnel.

La Sicilia, quindi, dove l’andamento della diffusione del Covid-19 è stato molto più lento che altrove, in base al modello statistico, dovrebbe registrare prima del resto del Paese una diminuzione evidente dei contagi. In Puglia, dove a ieri i positivi erano 2.022, sempre secondo il modello, si dovrebbe arrivare a 20 nuovi contagi medi al giorno tra il 17 aprile e il primo maggio, e a 10 tra il 22 aprile e il 10 maggio. Nel Sud, tra giovedì e lunedì prossimi i nuovi contagi medi dovrebbero attestarsi su 200, per calare a 100 tra il 15 e il 22 aprile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dando un’occhiata alla Lombardia, la regione più colpita dall’epidemia e dove ieri in tutto erano 28.124 i positivi, i nuovi contagi medi giornalieri dovrebbero diventare 200 tra il 20 ed il 23 aprile, per scendere a 100 tra il 27 ed il 30. In tutta Italia, infine, dove i positivi a ieri erano 128.948, i nuovi contagi medi giornalieri dovrebbero essere mille tra il 17 ed il 19 aprile e scendere a 500 tra il 23 e il 25. Tutti i dati e i grafici della ricerca sono reperibili sul sito https://unipa.it/covid19.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

  • Prima un'erezione di 4 ore, poi la morte: come riconoscere il velenosissimo ragno delle banane

Torna su
PalermoToday è in caricamento