Emergenza Coronavirus e reddito di cittadinanza: "Uffici postali sguarniti di tessere"

La denuncia del commissario regionale dell'Udicon (unione per la difesa del consumatore) in Sicilia: "Viaggi della speranza agli sportelli e nessuna comunicazione"

"Viaggi della speranza senza risultato agli uffici postali e assenza di comunicazioni da parte di chi di competenza. Questa la situazione per centinaia di persone aventi diritto al Reddito di cittadinanza in Sicilia, poiché mancano materialmente le schede da ritirare alla Posta, non disponibili in molti sportelli, da Aci Castello a Partinico, da Catania a Portopalo". Questa la denuncia del commissario regionale dell'Udicon (unione per la difesa del consumatore) in Sicilia, Marco Corsaro, a seguito di numerose segnalazioni che hanno raggiunto gli uffici dell'associazione che si occupa di tutela dei consumatori.

"L'emergenza coronavirus ha stravolto le nostre abitudini di vita - prosegue il dirigente Udicon - e per molti degli aventi diritto l'aiuto economico del Reddito rimane più che vitale per fronteggiare le esigenze primarie e quotidiane di vita, come la spesa. Eppure, in Sicilia, si registra la mancata consegna delle schede agli uffici postali, disservizio che secondo i nostri accertamenti non è stato comunicato agli utenti, neppure apponendo un avviso fuori dagli sportelli. I tentativi di approfondimento compiuti da Udicon usando i recapiti telefonici delle varie sedi non hanno, a loro volta, trovato risposta".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'Udicon Sicilia - prosegue Corsaro - invita i cittadini-consumatori a segnalare alle nostre sedi zonali o alla mail sicilia@udicon.org gli uffici postali sguarniti delle tessere per il Reddito, al fine di monitorare la situazione regionale e intervenire a tutela dei diritti dei percettori. Alle autorità competenti, dal Ministero del Lavoro all’Inps passando per Poste Italiane spa, abbiamo chiesto di intervenire celermente sulla questione, dando opportuna informazione all'utenza siciliana. In questa fase di picco epidemico, d'altronde - conclude il commissario Udicon Sicilia - occorre limitare al massimo gli afflussi verso le Poste ed evitare, dunque, che le persone che aspettano la scheda si rechino inutilmente agli sportelli". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

Torna su
PalermoToday è in caricamento