Coronavirus, la polizia regala 500 tute protettive per chi lavora in ospedale

Si tratta degli stessi dispositivi di protezione adoperati durante le investigazioni dagli agenti della Scientifica. L'assessore alla Salute Ruggero Razza: "È un contributo importante in un momento difficilissimo"

Non si ferma la gara di solidarietà per contrastare l'epidemia Coronavirus in Sicilia. La Polizia, attraverso il Gabinetto regionale per la Sicilia orientale della Scientifica, ha donato 500 tute che verranno usate per la protezione individuale dei sanitari impegnati negli ospedali siciliani. Si tratta dei medesimi dispositivi adoperati durante le investigazioni dagli agenti della Polizia scientifica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Razza si prepara al picco: "Ci aspettiamo tra 4.500 e 7 mila contagi"

"È un contributo importante  - sottolinea l'assessore alla Salute Ruggero Razza - in un momento difficilissimo. Alle donne e agli uomini della polizia, ai quali va la nostra gratitudine per ciò che fanno ogni giorno assieme alle altre Forze dell'ordine, la riconoscenza per questa ennesima dimostrazione di vicinanza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

Torna su
PalermoToday è in caricamento