Coronavirus, tre nuovi casi a Bagheria: positivo anche un bimbo di 18 mesi

Le condizioni di salute del piccolo, che è ricoverato al Di Cristina di Palermo, sarebbero buone: resta sotto controllo in ospedale. Gli altri due contagiati sono un uomo di 45 anni e un ultrasettantenne. Un altro positivo anche a Cinisi

L'ospedale dei bambini

Ci sono tre nuovi casi di pazienti positivi al coronavirus a Bagheria, tra cui un bimbo di 18 mesi. Salgono così a 5 i casi di cittadini bagheresi positivi al coronavirus, più il paziente che era in cura presso il dipartimento del Rizzoli di Bagheria. "Il totale fa 6 - dice il sindaco Filippo Tripoli -. A parte il piccolo di 18 mesi, gli altri due casi, un uomo sui 45 anni e l'altro ultrasettantenne, apparterrebbero tutti allo stesso ceppo dei primi due bagheresi già riscontrati positivi al virus. Ci fa ben sperare il fatto che escluso il bambino, gli altri casi sembrerebbero riconducibili allo stesso focolaio, quindi con un origine unica - dice ancora il primo cittadino di Bagheria -. Le condizioni di salute del piccolo che è ricoverato all'ospedale Di Cristina di Palermo sarebbero buone, resta sotto controllo in ospedale".

E si registra un altro caso anche a Cinisi. Anche qui il sindaco Giangiacomo Palazzolo ieri sera ha parlato su Facebook ai cittadini per aggiornarli sulla diffusione: "E' arrivato l’esito dei 5 tamponi che si aspettavano - ha detto il sindaco - e 4 sono negativi ma uno è positivo. I casi di coronavirus salgono quindi a due. Il soggetto è asintomatico ed ha incontrato diverse persone che sono state in parte già contattate da carabinieri e polizia municipale. Altre persone con cui è stato in contatto saranno chiamate entro domani".

Bagheria, l'appello dei sindaco

Il sindaco, augurando soprattutto alla famiglia del bambino "una pronta guarigione, vicinanza e affetto alla famiglia così come agli altri ammalati, nel corso di una diretta su Facebook ha ribadito che "sono state intraprese tutte le dovute azioni previste dal protocollo, messi in isolamento le persone a contatto e che l'Ente sta lavorando in stretta sinergia con l'azienda sanitaria provinciale".

"Riducete al massimo le uscite, solo per le necessità urgenti", riferisce il sindaco che ribadisce "l'impegno del Comune, delle forze dell'ordine, dei medici", e aggiunge: "Stiamo pensando di accelerare l'istituzionevdell'osservatorio breve, in queste ore andremo a vedere un locale, lo faremo anche grazie all'aiuto di alcuni medici di base che ci hanno dato la loro collaborazione, una struttura per le attività di osservazione per quei possibili casi di cittadini che potrebbero essere colpiti da coronavirus". "

Stare a casa è una delle armi che abbiamo, dobbiamo rimanere a casa, so che ci sono cittadini che vivono grosse difficoltà ma non c'è alternativa. Per questa fascia sociale io ho sollecitato l'intervento del Governo nazionale e regionale", dice il sindaco che ha sottolineato che ieri Bagheria ha dato un buon esempio: "Per le strade non c'era nessuno. E' vero che tutti i negozi erano chiusi ma sono certo che anche oggi nonostante i negozi aperti i cittadini rispetteranno le norme di contenimento del virus".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco ha terminato riepilogando le ordinanze sindacali, regionali e ha accennato al nuovo decreto emanato dal presidente del Consiglio che "non cambia moltissimo rispetto alla situazione bagherese -dice Tripoli e ancora o a quello del Ministero della Salute e dell'interno sugli spostamenti vietati tra Comuni se non per indifferibili ed urgenti necessità". Ed infine ha ricordato i servizi di prossimità dedicati ad ammalati ed anziani e a tal proposito ha ringraziato la Caritas cittadina. "Stiamo mettendo in campo tutte le forze e gli strumenti possibili che abbiamo - conclude il sindaco - riteniamo con l'ASP che a Bagheria debba esserci un centro per fare i tamponi e lo stiamo sollecitando alla Regione, per eliminare perdite di affinché un cittadino possa fare un tampone. Ricordiamo che sul sito del Comune è disponibile una specifica sezione informativa sull'emergenza coronavirus dove sono disponibili tutte le informazioni necessarie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ponte Oreto, ragazza si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Furti di gasolio in discarica, coinvolti dipendenti Rap: i nomi degli arrestati

  • Si girano due film a Palermo, al via i casting per i bambini

Torna su
PalermoToday è in caricamento