Rubano caldaia davanti a un negozio: denunciati due giovani a Cefalù

Nei guai due ragazzi di 21 e 16 anni: sono stati sanzionati anche per aver violato le misure in atto per il contenimento dell’emergenza sanitaria Covid-19

Furto aggravato in concorso. Con questa accusa la polizia ha denunciato due giovani a Cefalù che avevano provato a rubare una caldaia davanti a un negozio. In azione, nel tardo pomeriggio di ieri, i poliziotti che nell’ambito dell’attività di controllo del territorio, con riferimento anche alla verifica del rispetto del decreto anti Coronavirus, hanno notato nei pressi del centro storico un furgoncino con cassone fermo al centro della carreggiata.

"Insospettiti dall’anomala presenza di quel mezzo - spiegano dalla polizia - gli agenti hanno effettuato un accurato giro di perlustrazione nella zona; poco distante hanno notato due giovani che stavano scalvacando la catena che delimità l’area pedonale del centro storico per poi dirigersi di corsa verso la porta secondaria di un’attività commerciale e quindi ritornare con una voluminosa scatola di cartone con all’interno una caldaia, subito dopo caricata in gran fretta, convinti di non essere visti, sulla parte posteriore del furgone". Poi i due hanno tentato la fuga.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti però hanno immediatamente bloccato il mezzo. "I due ragazzi, rispettivamente, di 21 e 16 anni, alle precise domande dei poliziotti circa la loro presenza in quel luogo ed il possesso della caldaia - dicono dalla questura - hanno fornito giustificazioni contraddittorie e poco plausibili. Il titolare dell’esercizio commerciale presso il quale i due erano stati visti aggirarsi, rintracciato poco dopo dagli agenti, ha poi riferito che aveva lasciato la caldaia rubata dai due giovani davanti alla sua attività per un cliente, che avrebbe dovuto ritirarla poco dopo".
Alla luce di quanto accertato, i due giovani sono stati rispettivamente deferiti all’autorità giudiziaria ordinaria e quella per i minorenni, per il reato di furto aggravato in concorso e al contempo sanzionati per aver violato le misure in atto per il contenimento dell’emergenza sanitaria Covid-19.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Agrigento, violento scontro sulla Statale: un morto

  • Sue le serate più belle del nuovo millennio, Palermo piange per Darin "l'amico di tutti"

  • Appalti, scommesse e pizzo: undici arresti per mafia tra Noce e Cruillas

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

  • Mafia, colpo al mandamento della Noce: ecco i nomi degli 11 arrestati

  • Il pm di Lecco Laura Siani trovata morta in casa, aveva lavorato anche a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento