Casi di Coronavirus a Villa Eleonora, la Fials: "Struttura senza precauzioni"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Villa Eleonora purtroppo non è pronta a fronteggiare il Coronavirus, non è un Covid hospital e non può più ospitare pazienti che andrebbero spostati all’esito del tampone non essendo casi gravi. Purtroppo sarebbe stato meglio effettuare tutti i tamponi prima sul personale sanitario piuttosto che una parte sugli amministrativi, facendo perdere tempo al risultato per chi è in trincea. Tra l'altro i dipendenti si trovano in servizio da più di 48 ore e sono stremati e neanche stasera avranno il cambio arrivando forse domani a 72 ore trascorse in clinica". Lo afferma Enzo Munafò, segretario provinciale della Fials-Palermo.

Secondo il sindacalista si rischia "di creare un focolaio vero, i dipendenti continuano a stare in una clinica privata con pochi addetti alle pulizie, a stretto contatto con pazienti infetti, senza dispositivi di sicurezza e percorsi e ambienti idonei a fronteggiare la malattia, senza formazione adatta. Così inevitabilmente i dipendenti rischiano di contrarre il virus, e lo stesso potrebbe accadere al personale che subentrerà, i quali sono fortemente preoccupati e vedremo che accadrà. Invitiamo l’assessore a intervenire per risolvere in tempi strettissimi la situazione spostando i pazienti in strutture idonee, visto che tra l'altro non necessitano di Terapia intensiva, e provvedere subito alla sanificazione. Ci chiediamo dove sia e cosa stia facendo il comitato scientifico in questo momento così drammatico”. 

Torna su
PalermoToday è in caricamento