Coronavirus, benzinai preoccupati: "Garantire servizio carburante con self service"

Richiesta Confesercenti Sicilia ai prefetti. Nella lettera i responsabili delle associazioni chiedono che "il servizio con assistenza del personale permanga solo in pochi impianti"

"Garantire il servizio della distribuzione carburanti prevalentemente con le modalità self service fino a quando non si ripristinerà una condizione di normalità da parte dell'Oms". Lo chiedono con una nota inviata ai prefetti di Palermo, Messina, Catania, Agrigento e Siracusa i presidenti provinciali di Faib Confesercenti in Sicilia. Nella lettera, i responsabili delle associazioni chiedono che "il servizio con assistenza del personale permanga solo in alcuni impianti individuati tra quelli che su base provinciale sono inseriti negli elenchi della Camera di Commercio di pertinenza come impianti notturni".

"La proposta - dice Francesca Costa presidente regionale di Faib, la Federazione autonoma dei benzinai di Confesercenti -  nasce dalle segnalazioni che abbiamo ricevuto dai gestori e dai dipendenti dei punti vendita carburante, fortemente preoccupati per il rischio di contagio a cui quotidianamente vengono esposti nell'esercizio della propria attività e che mette a repentaglio anche la sicurezza dei loro cari".

"Le misure che proponiamo - scrive Confesercenti -, a fronte della riduzione del numero dei rifornimenti carburante e in virtù dei provvedimenti che limitano fortemente la mobilità degli individui, non recherebbero alcun nocumento ad automobilisti e autotrasportatori ma garantirebbero l'incolumità di tutto il personale dei punti vendita carburante e delle loro famiglie".   Qualche giorno fa Confesercenti Sicilia ha scritto anche ai sindaci dell'Isola per chiedere di intervenire sui tributi locali con il rinvio delle scadenze di pagamento e con il ricalcolo dei tributi considerando la chiusura forzata dovuta ai decreti per il contenimento del Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Qualche sindaco come quello di Modica ha risposto accogliendo pubblicamente il nostro invito - dice il presidente regionale Vittorio Messina - altri si sono mossi nella stessa direzione, ma sono tanti ancora i Comuni da cui non sono arrivate direttive chiare in tal senso e tantissimi gli imprenditori di pmi che temono per il futuro della propria azienda in assenza di misure che li aiutino a superare questo momento drammatico".      

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moggi: "Padre Pio è apparso in sogno a una signora di Palermo e ha fatto una profezia su di me"

  • Va in ospedale per sospetta congiuntivite, due giorni dopo 30enne trovato morto in casa

  • Coronavirus, in Sicilia sospeso l'avvio della stagione balneare

  • Un cerotto contro il Covid-19: il vaccino scoperto dagli scienziati Usa gemellati con Palermo

  • Coronavirus, positivo anche primario dell’ospedale Villa Sofia: è ricoverato al Cervello

  • Coronavirus, in Sicilia 68 nuovi contagiati: i morti superano quota 100

Torna su
PalermoToday è in caricamento