Trova portafogli con 860 euro e lo restituisce, francese ringrazia: "Siciliani, che cuore che avete"

In un bed and breakfast l'incontro con tanto di abbracci e baci tra il controllore dell'Amat dal cuore d'oro - protagonista della vicenda - e il turista che ora esclama: "Più del sole e del mare, ricorderò per sempre la vostra generosità"

Il turista (a sinistra) ringrazia il controllore Amat

Un abbraccio, un bacio. Un'esclamazione: "Mercì". Così il turista francese in vacanza a Palermo ha ringraziato il controllore dell'Amat che ieri mattina dopo la partenza del bus 806 dal capolinea di piazza Don Sturzo, ha trovato il suo portafogli abbandonato fra i sedili. Là dentro c'erano 860 euro. Oltre a carte di credito, bancomat e i documenti di riconoscimento. Il controllore che era in quel momento sull'autobus, Enrico Buffa, 59 anni, si è reso protagonista di un gesto da Libro Cuore: non potendo fermare l’autobus per evitare di bloccare il traffico in via Libertà e creare disagi ai paseggeri, ha pensato di tenere con sé il portafogli e arrivare a Mondello per raggiungere a fine corsa il commissariato.

Trova portafogli con 860 euro e lo restituisce

E oggi i due protagonisti della vicenda si sono incontrati nel bed and breakfast in cui alloggia il turista a Palermo. A raccontare come sono andate le cose a PalermoToday è stata la titolare della struttura: "Ho letto l'articolo che avete pubblicato ieri - racconta - e ho subito  informato il mio ospite del rinvenimento del portafogli da parte del controllore dell'Amat. Stamattina al commissariato di Mondello, dove ho accompagnato il turista francese, è stato riconsegnato il portafogli al proprietario, che era ancora incredulo. Sperava di ritrovare i documenti, ma mai avrebbe immaginato di poter recuperare l'intero contenuto".  

Un ispettore di polizia ha poi fornito, su richiesta del francese, il recapito di cellulare del controllore. Il quale è stato subito contattato: in tarda mattinata i due si sono incontrati nel b&b dove alloggia il turista. "Il gesto del controllore - dice la titolare della struttura - ha ancora di più fatto apprezzare l'onestà e il grande cuore dei siciliani. Il francese ha detto: 'Questo è il ricordo che porterò della Sicilia, più del sole e del mare, ricorderò per sempre la vostra generosità'".

Il controllore a PalermoToday ieri aveva commentato così l'episodio: "Da sempre ho cercato di trasmettere ai miei figli quanto sia importante per ognuno di noi essere onesti. Hanno apprezzato il mio gesto e mi hanno detto: 'bravo papà'. I soldi non ci cambiano la vita e i risultati ottenuti con il sudore sono sicuramente più soddisfacenti e graditi. Non ci ho pensato neanche un attimo a prendere quei soldi e intascarli. Ci mancherebbe… . Non mi sento un eroe".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

Torna su
PalermoToday è in caricamento