Nuovo blitz davanti al cimitero Sant'Orsola, sequestrate altre otto rivendite di fiori

La polizia municipale è tornata in via Parlavecchio per mettere i sigilli ad altre attività che non sarebbero risultate in regola con le autorizzazioni. I controlli dopo l'esplosione (forse a scopo intimidatorio) che ha danneggiato un fioraio

Gli agenti della polizia municipale durante il sequestro

Sequestrate altre otto rivendite di fiori davanti al cimitero Sant’Orsola. Sale a quindici il numero delle attività finite nel mirino degli agenti della polizia municipale dopo l’esplosione - forse a scopo intimidatorio - che ha danneggiato un fioraio di via Parlavecchio.

I gestori delle attività sequestrate sono stati denunciati e accusati di occupazione di suolo publico, costruzione abusiva e danneggiamento di beni architettonici e monumentali in quanto la zona ricade sotto il vincolo della Soprintendenza ai Beni culturali.

Alcune delle baracche adibite a rivendite, che in alcuni casi invadevano anche la sede stradale, sono risultate agganciate con viti e bulloni al muro di recinzione del cimitero. Già venerdì scorso gli agenti del Nucleo controllo attività produttive avevano sequestrato altre sette attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento