Controlli in pub e pescherie alla Kalsa e alla Magione, multe e sequestri

Nel corso degli accertamenti tra via Torremuzza e via Garibaldi sono state elevate sanzioni per un importo complessivo di circa 16 mila euro. Sequestrati merce in una pescheria per la mancata tracciabilità dei prodotti ittici

La polizia alla Kalsa (foto archivio)

Controlli in pub e locali alla Kalsa e alla Magione. Le forze dell’ordine hanno chiuso un’attività di via Torremuzza che vendeva bevande ma è risultato privo delle prescritte autorizzazioni. Per il titolare anche 8 mila euro di multa per la mancanza di Scia e per la mancata comunicazione all’Asp di apertura dell’esercizio. In campo gli agenti del commissariato Oreto-stazione, del Reparto prevenzione criminale, personale della guardia costiera, della polizia municipale e i tecnici di E-distribuzione, Amap e Asp-Sian.

Nella stessa strada, nel cuore della Kalsa, gli agenti hanno trovato un’altra attività non in regola con la documentazione e hanno multato il gestore per la mancanza del manuale di autocontrollo Haccp (2 mila euro), la mancanza di requisiti generali in materia di igiene (1.000 euro) le violazioni sulla smaltimento di oli esausti (2 mila euro). A questi si aggiunge l’occupazione di suolo pubblico (150 euro più il sequestro delle attrezzature per 10 giorni) e l’occupazione della sede stradale (173 euro).

Al titolare di una pescheria della zona sono state invece contestate violazioni relative al mancato aggiornamento della Dia (1.000 euro), la mancata tracciabilità della dei prodotti (1.500 euro più il sequestro degli stessi). E ancora: occupazione di suolo pubblico (150 euro più sequestro delle attrezzature) e occupazione della sede stradale (173 euro). Multato per 309 euro anche un ambulante risultato sprovvisto di qualsiasi autorizzazione.

I poliziotti si sono poi spostati in via Garibaldi eseguendo un accesso ispettivo in un pub dove hanno riscontrato  l’occupazione abusiva di suolo pubblico per 15 metri quadrati con sedie e tavolini posizionati davanti al locale (150 euro) e l’occupazione abusiva della sede stradale (173). Al titolare del locale (del quale non è stato fornito il nome) sono state contestate anche carenze igienico-sanitarie che gli sono costate una sanzione da 2 mila euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in moto, morto cuoco palermitano di 36 anni a Padova

  • Polizzi Generosa, netturbino morto folgorato: colpito da un fulmine mentre lavorava

  • E' morto il fratello di Franco Franchi: per più di 30 anni gestì il bar di via Cavour

  • Più di 7 milioni di euro di immobili all'asta, come aggiudicarsi le 36 case in viale del Fante

  • Un'intera strada rubava la luce: scoperti 8 mila metri quadri di costruzioni abusive a Carini

  • Ex imprenditore trovato morto in casa, giallo a Terrasini: indagano i carabinieri

Torna su
PalermoToday è in caricamento