Controlli a tappeto contro i furbetti che rubano energia elettrica: un arresto e 7 denunce

Carabinieri in azione in varie zone della città. Nel quartiere Libertà una donna, già ai domiciliari, aveva allacciato abusivamente alla luce la propria abitazione. A Partanna Mondello 4 case collegate alla rete pubblica

E' di un arresto e sette denunce il bilancio di una serie di controlli per contrastare i furti di energia elettrica eseguiti in città dai carabinieri della compagnia di San Lorenzo.

Le manette sono scattate ai polsi di una 48enne, già sottoposta ai domiciliari per reati inerenti gli stupefacenti, che aveva collegato abusivamente la propria abitazione nel quartiere Liberà alla rete elettrica pubblica. La donna, dopo la convalida dell’arresto, è stata rimessa in libertà in attesa del processo.

A seguito delle verifiche effettuate insieme ai tecnici di E-Distribuzione, i militari della stazione di Partanna Mondello, invece, hanno denunciato sette persone, tutte nate e residenti a Palermo, responsabili di avere allacciato abusivamente il cavo elettrico di quattro abitazioni alla rete elettrica pubblica. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

Torna su
PalermoToday è in caricamento