Test per diventare medici generali "illegittimi", accolto un ricorso

E' stato riammesso dopo la decisione del Consiglio di Stato, che ha chiesto inoltre al Tar del Lazio di rivedere la decisione con la quale aveva rigettato oltre 300 ricorsi relativi alle scuole di specializzazione. Esclusi in Sicilia con 75, ammessi in Puglia con 68

Nuove "grane" nel mondo della Medicina. Il Consiglio di Stato ha rilevato elementi di "illegittimità generali" nella graduatoria di medicina generale della Sicilia riammettendo un ricorrente rimasto fuori. Con la stessa sentenza ha chiesto al Tar del Lazio di rivedere la propria decisione con la quale di aver rigettato il ricorso di 300 studenti esclusi dalle scuole di specializzazione medica. E' la prima volta che il Consiglio si esprime in sede giurisdizionale sul caso.

Della decisione hanno dato notizia gli avvocati Michele Bonetti e Santi Delia che hanno assistito la Fp Cgil Medici nell'impugnazione amministrativa. Il caso del concorso riguarda proprio l'isola siciliana. Rispetto alle specializzazioni, rientranti in un'unica graduatoria nazionale, il corso per diventare medico di famiglia rientra nelle competenze del Ministero della Salute e in quelle delle Regioni. Si tratta di una prova unica, da svolgersi nello stesso giorno, ma le cui graduatorie vengono stilate su base regionale.

E' il concorrente, infatti, a dovere decidere in quale Regione partecipare e "tentare la sorte". Ci sono candidati in Sicilia, si apprende da Repubblica.it, rimasti fuori con punteggi pari a 75 e altri, nel resto delle Regioni, ammessi con punteggi molto più bassi. Tra le altre, il legale cita ad esempio Molise (punteggio minimo 69), Sardegna (punteggio minimo 71), Calabria (72), Veneto e Basilicata (74) e Puglia (68). Per gli avvocati che hanno seguito il caso la scelta degli ammessi risulterebbe "dominata in buona misura dal caso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa fuori dalla discoteca, ragazzo di 21 anni muore accoltellato a Terrasini

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Sospetto caso di Coronavirus, mascherine e fuggi fuggi al pronto soccorso del Cervello

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

Torna su
PalermoToday è in caricamento