Poverissimo ma con una villa da mezzo milione: scatta confisca per sorvegliato speciale

Operazione della polizia a Partinico: nel mirino Gaspare Mattina, 41 anni, già condannato per vari reati come violenza sessuale, sequestro di persona, lesioni personali, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti

La villa confiscata

La polizia ha confiscato una lussuosa villa da mezzo milione di euro a Gaspare Mattina, 41 anni, di Partinico, che dal 2017 è sottoposto alla misura della sorveglianza speciale. Il decreto di confisca è stato emesso dal Tribunale di Palermo, sezione Misure di Prevenzione. Mattina è ritenuto stabilmente inserito nel circuito della microciminalità organizzata che opera nel territorio di Partinico e nei centri limitrofi. 

"Il 41enne - spiegano dalla polizia - già condannato per reati di violenza sessuale, sequestro di persona, lesioni personali, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti è stato tratto in arresto in flagranza di reato nel maggio 2014 in quanto trovato in possesso di un’arma con matricola abrasa e relativo munizionamento e per questo era stato condannato, in via definitiva, a due anni di reclusione".

Nel giugno del 2017 il personale dell’ufficio Misure di prevenzione della Questura di Palermo ha effettuato indagini patrimoniali nei suoi confronti e del suo nucleo familiare "che - dicono dalla polizia - hanno consentito di accertare una sproporzione economica tra gli acquisti mobiliari e immobiliari effettuati dalla sua famiglia e i redditi percepiti. Una circostanza che faceva concretamente presumere l’utilizzo di risorse finanziarie di natura illecita".

In particolare è emerso che l’acquisto e la ristrutturazione di una villa, riconducibile a Gaspare Mattina ma formalmente intestata a un familiare, "è risultata incompatibile con i redditi dichiarati, addirittura incapaci a garantire anche il solo sostentamento familiare - sottolinea la polizia -. L’investimento è apparso quindi in netto contrasto con le scarse consistenze patrimoniali dichiarate, giustificabili solo attraverso lo sfruttamento di risorse illecitamente accumulate da Mattina". In seguito a questi accertamenti Mattina, su segnalazione della Questura di Palermo, è stato proposto dal Procuratore della Repubblica di Palermo per l’applicazione di una misura di prevenzione patrimoniale e successivamente è stato emesso nei suoi confronti un decreto di sequestro dal Tribunale di Palermo – Sezione Misure di Prevenzione, oggi divenuto definitivo con il provvedimento di confisca.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (20)

  • Invia di chi si arricchisce sulle spalle dei più deboli? MAI.

    • Io mi riferisco se nel passato a lavorato in nero... Non facendo illecito... E poi lamentiamoci anche dei signori politici "ca mancianu a trienta muccuni" e l'opinione pubblica non a il coraggio di dirlo.

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Non si tratta di corruzione, il discorso è che nella vita si dice, tintu  que' ca un si sapi arranciari, e trattandosi di soldi e magari tanti soldi, pure i morti resuscitano. In tutto il discorso non condivido la banda Saguto, perché loro inventavano false indagini con relativi processi. In questo caso le persone da indagare sono tante, anzi tantissime. La squadra che tra l'altro incompleta, a fatto tombola, non è che è la sola in tutta Italia!  Nelle casse dello stato gli arriva il 30% del reale che dovrebbe arrivare. Ma l'importante ché in casi di mangianze non inventano dio che non e dio nei processi!

    • Hai ragione in toto, ma non è soltanto sui beni che siano patrimoniali che fallimentare, ma anche nei processi penali si inventano le falsità, non parliamo dei pm un caso a parte. Perché un indagine partita ad esempio nel 2001 conclusasi nel 2004 gennaio, arresto nel 2005...perché per alcuni vale la pericolosità da/a e quindi i beni prima di da non vengono intaccati? Tutto solo per pochi fortunati, gli altri... Lo prendono nel......

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Vittima della giustizia, seguo da un anno i tuoi commenti, è capisco e stracapisco tutto, non c'è bisogno di scendere ai particolari. Di d'attico scolastico non ne ho voluto, ma in mezzo la strada ho appreso più della scuola.

    • Io a poco ne so più degli avvocati, invece i particolari devono saperli tutti, dato che c'è qualche ignorante che pensa che i giudici non possono inventarsi i fatti, quando in realtà lo fanno e come se lo fanno. Ciao

    • Io ha poco ne so più degli avvocati. Invece i particolari devono saperli tutti, qualche ignorante pensa che i giudici non possono inventarsi i fatti, quando in realtà possono e lo fanno. Ciao.

  • Non sono un parente, perché avere un parente con violenza sessuale è un disonore, ma chi dice che devono togliere tutti i beni e solo invidioso e dio non gli deve mai dare la forza di vivere bene, che ne sappiamo che 20 anni fa lavorasse in nero, quando a quei tempi andavi in banca con 300 milioni in contanti e nessuno ti diceva nulla, che fa i signori giudici non l'ho sanno... Io i loro beni vorrei vedere come se li sono fatti... Le ville a meno di 150 mt dal mare... Etc...

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Sign. Marco avevo appena scritto il commento ma lo cancellato. per quanto io ne capisca, e al riguardo ne capispo fin troppo, quella mezza casa di campagna, facendo il calcolo che ci sia il terreno a giro, non vale più di 150 mila. Ma per lolo stato provare la provenienza illecita e squilibrata al reddito dichiarato, scrive 500 mila. 

    • Bravissimo, hai capito tutto, qualcuno purtroppo è ignorante e parla a vanvera... Io avevo un honda foresight del 1998 fino al 2014 tutto incollato con l'attack e il ferro filato valore 0,l'ho rottamato, sai che la gdf l'ha valutato 3500 euro? Da ridere! Mio nonno nel 2000 acquista una casa economica popolare per 98 milioni di lire, come gratitudine la intesta a mia madre, mio nonno con 2 pensioni 1 invalidità al 100 % con accompagnamento 1 di reversibilità, mia nonna pensione marche contributi, mette questi soldi sotto il materasso e poi li prende per acquistare... La saguto confisca dicendo che non è stata prodotta nessuna documentazione che attesti l'attività lavorativa di mio Nonno quando in realtà è stato prodotto tutto, e che mio nonno non poteva mettere soldi sotto il materasso, cioè 2 persone prendevano in totale 3 milioni di lire al mese... Bhoooo Appena avremo qualche soldo chiederemo la revisione del processo. Non credete in tutto quello che sentite dire dalla giustizia, lo fanno per plagiare l'opinione pubblica.

    • Quello che non hanno capito alcuni ignoranti, la giustizia è falsa, io del mio ho le prove. Ora anche nella fallimentare erano corrotti, è uno schifo, ma le persone per bene non parlano di revisione dei processi eseguiti anche dalla saguto.

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Acci... quanto è presente lo stato nel procedere alle confische. Speriamo che lo sia anche per quelli che truffano la gente con i falsi gioielli. Però in quell'articolo o letto che i responsabili sono stati denunciati.

  • Articolo ridicolo.... quella villa vale meno della metà

    • Sicuramente, gonfiano tutto pur di confiscare.... Bugiardi.

      • Parlo con cognizione di causa, conosco la villa, chi ha comprato questa villa l’ha pagata più o meno un terzo del valore dichiarato nell’articolo

        • Ma pure se non conoscevi la villa, già a priori ti do ragione... Gres porcellanato finto da 7 € al mtq loro lo identificano in marmo da 80€ al mtq, ma di cosa stiamo parlando?

  • personaggio polivalente...scarafaggio ..

  • Ottimo, confiscate anche le mutande.

  • A Palermo e provincia di questa gente che non ha nulla ma che poi ha proprietà di immobili e mobili dappertutto c'è ne sta tantissima. Questa è la prima volta che mi capita di leggere di un provvedimento di questo tipo. Sarebbe cosa giusta intensificare queste tipologie di controlli al fine di prevenire e intercettare coloro che continuano a delinquere.

  • Avatar anonimo di Mauro
    Mauro

    Spero che marcisci in galera 

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Omicidio a Pagliarelli, un sms sul cellulare per attirare Manzella nella trappola

  • Mafia

    Il tesoriere di Totò Riina ora è libero: Vito Palazzolo affidato in prova ai servizi sociali

  • Incidenti stradali

    Ci risiamo, incidente in via Roma: un altro pedone investito, è grave

  • Cronaca

    Ha investito e ucciso un uomo in via Roma, ventenne ai domiciliari per due mesi

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento