Mafia, confermata in appello condanna al boss Nino Mandalà

In primo grado erano stati inflitti otto anni. Il capomafia potrebbe tornare in carcere. Secondo il pentito Lo Verso ha avuto rapporti col Ministro Romano, che oggi alla Camera affronterà la mozione di sfiducia

La corte d'appello ha confermato la condanna a otto anni a Nino Mandalà

E’ stata confermata dalla Corte d'Appello di Palermo la condanna a carico del boss di Villabate Nino Mandalà, a cui in primo grado erano stati inflitti otto anni di reclusione. Il boss, precedentemente condannato per intestazione fittizia di beni, è libero per scadenza dei termini di custodia cautelare. Adesso la nuova sentenza potrebbe riaprire le porte del carcere al capomafia.

Nei giorni scorsi Mandalà, boss vicino a Bernardo Provenzano, è stato tirato in ballo dal pentito Stefano Lo Verso, che ha riferito ai magistrati di rapporti tra il capomafia e il ministro delle Politiche agricole, Saverio Romano. A seguito delle notizie sull’inchiesta è stata presentata in parlamento una mozione di sfiducia di Romano su cui la Camera si pronuncerà nel pomeriggio.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Lo schianto col Suv in centro, Mondello sotto choc per la morte del figlio del titolare del bar Renato

  • Cronaca

    E' morta Tindara Agnello, con la sua creatività ha trasformato la vecchia coppola in icona di stile

  • Cronaca

    Noce, spaccia hashish a pochi passi da una scuola: arrestato

  • Sport

    Mirri chiama a raccolta i tifosi, Foschi lo stoppa: "Non abbiamo bisogno di collette"

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, camion travolge auto: morto un magistrato

  • Il migliore cardiochirurgo del mondo? Lavora a Villa Sofia: "Così ha salvato una donna"

  • Giovanni e una vita tra toga, famiglia e pallone: "Magistrato di spessore, uomo serio e preparato"

  • Lacrime e silenzio per il funerale di Giovanni Romano: "Quel messaggio senza risposta di domenica notte"

  • Incidente in via Daita, col Suv contro le auto posteggiate e poi si ribalta: morto il figlio del titolare del bar Renato

  • Stroncato da un infarto mentre è in bici: morto avvocato palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento