Operatore Rap sorpreso mentre si apparta in auto con una donna durante il turno, condannato

Un anno e due mesi (più 800 euro di multa) per un 64enne sorpreso dai carabinieri in via Messina Montagne: addosso aveva ancora la tuta da lavoro. Per ritagliarsi quell'intimità, il 30 dicembre 2013, l'ormai ex dipendente aveva falsificato il foglio di viaggio del mezzo a lui affidato

Un autocompattatore in uscita dal deposito di via Ingham

Avrebbe falsificato l’orario di fine turno per concedersi mezz’ora di tempo, pagata dalla Rap, per appartarsi in auto con una donna in via Messina Montagne. Tanto che addosso aveva ancora la tuta da lavoro. Il giudice della quinta sezione penale del tribunale di Palermo Nicola Aiello ha condannato il 64enne L.T. a un anno e due mesi (più una multa da 800 euro) per i reati di tentata truffa e falsificazione. Il dipendente dell’azienda che si occupa del servizio raccolta rifiuti in città era già stato arrestato cinque anni fa per un di furto di carburante che gli è costato una condanna per peculato e il licenziamento. A difenderlo l’avvocato Giuseppe Inguaggiato il quale ha annunciato che valuterà con attenzione la sentenza per presentare appello.

Il processo che si è concluso negli scorsi giorni prende il via quando i carabinieri seguono l’auto del dipendente Rap e lo trovano in circostanze inequivocabili. Era il 30 dicembre 2013 ed erano passate da poco le nove. Che ci faceva lì e perché aveva ancora l’uniforme targata Rap, in orario di lavoro, a due giorni dal Capodanno? Dai primi accertamenti sono emerse subito alcune anomalie poi diventate oggetto del processo per cui il 64enne è stato rinviato a giudizio nel novembre del 2017. Durante il dibattimento è stato acquisito il foglio di viaggio dell’automezzo affidato all’ormai ex operatore, che aveva iniziato il turno di raccolta rifiuti alle 5.20 e avrebbe dovuto terminarlo alle 9.16.

Per concedersi quella mezz’ora L.T. aveva indicato le 9.50 come orario di fine turno. E proprio mentre risultava sul posto di lavoro i carabinieri lo hanno sorpreso in auto con una donna. “Risulta dunque provato - si legge nella sentenza - che ha falsificato il foglio di viaggio dell’automezzo. L’imputato ha quindi percepito una retribuzione giornaliera completa a fronte della quale ha svolto una prestazione di servizio non ultimata a causa dell’ingiustificato allontanamento dal posto di lavoro”. A confermarlo anche il capoarea della Rap che, durante la sua testimonianza, ha confermato di aver appreso dalla portineria che la falsificazione era avvenuta.

All’inizio del processo la Rap si era costituita parte civile, ma gli avvocati della società avrebbero poi deciso di non rassegnare alcuna conclusione rinunciando all’eventuale risarcimento dei danni. Una scelta che potrebbe essere stata dettata dalla “lieve entità” del danno provocato dalla condotta del suo ex dipendente che non avrebbe potuto beneficiare della sospensione della pena per una precedente condanna per peculato. "L'azienda - fanno sapere dalla Rap - nel febbraio 2014 ha licenziato il dipendente dopo il procedimento disciplinare a seguito del furto di gasolio dai mezzi aziendali". Nel 2014 l'uomo era stato infatti sorpreso, insieme ad altre due persone, a rubare carburante da un autocompattatore aziendale. Per sua sfortuna però era stato seguito dagli agenti del commissariato Brancaccio che lo avevano subito arrestato.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (15)

  • pienamente d'accordo con Pietro , da considerare un'altra cosa che mentre eron n in servizio in ristorsnte un dipendente della RAP mi disse che se lui fa ore extra tgli viene pagato lo straordinario e mentre noi camerieri se facciamo ore extra non veniamo pagati e quindi è un lavoro di miserabili è da considerare che stiamo parlando di un dipendente con precedenti penali... e io da cittadino onesto mi rompo il c*** per ste nullitá

  • insomma sembra che molti dipendenti rap facciano parte dell'accademia dei lincei...d'altronde.....avete mai visto una rapa sudare?

  • Avatar anonimo di Margherita
    Margherita

    È stato licenziato tempo fa ,non ho idea perché ne parlano ora forse.solo per.infangare la rap ma so per certo che già non lavora più da tempo.

    • E meno male. È arrivata la CONDANNA, si svegli!,

  • Licenziatelo c’è tanta gente che vorrebbe lavorare onestamente

  • Avatar anonimo di Pietro
    Pietro

    Questi sono i risultati della politica/mafia siciliana (le due cose da noi coincidono e raggiungono la massima espressione nel parlamentino dei condannati e dei maneggioni, la cui unica attività è rubare e consolidare la propria posizione ottenendo voti in cambio di posti di lavoro che non servono a nessuno. il caso di RAP e RESET è eclatante: questi due cessi di società hanno imbarcato negli anni talmente tanto fango e tanta munnizza che i lavoratori seri, ammesso che ce ne siano, si contano sulle dita di una mano. Fannulloni, lazzaroni, ladri, parassiti, debosciati che invece di lavorare passano le giornate al bar, a passeggiare o a imboscarsi in giro.

  • Se è sposato magari i guai peggiori gli verranno dalla moglie.

  • Avatar anonimo di Totino
    Totino

    Carogna 

  • magari dobbiamo avere pena per questa nullità

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Che centra non e stato perdonato, ormai il furto con la sucalora, ai fini di legge non può essere più attaccato!!  In Italia per tu pagare un reato devi avere intestazioni di beni, in quel caso per un furto di un cappelletto di ruota prendi un processo per furto con il metodo mafioso con l'aggravante di avere favorito l'ormai defunta cosa nostra.  Apposto tutte cose si possono fare basta che non possiedi niente.

  • È già licenziato, I fatti sono del dicembre 2013

  • la rap? può essere che mi sbaglio io,ma nel 2013 c era la rap o l amia?

  • Avatar anonimo di KIWI
    KIWI

    Già recidivo. Ma per licenziarlo deve commettere un omicidio? 

  • Avatar anonimo di paolino
    paolino

    arrestato 4 anni fa per furto di gasolio all azienda dove lavora e perdonato? ma stiamo scherzando? 

  • Non solo un falsificatore, forse anche infedele.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Calmi, nessuno si farà male": con le tute da imbianchino e la pistola rapinano Carrefour

  • Cronaca

    Stagione balneare 2019, scattano i divieti: niente tuffi a Vergine Maria e Romagnolo

  • Politica

    Salvini ancora contro Orlando: "Palermo unico capoluogo senza carta d'identità elettronica"

  • Cronaca

    Cova eccezionale di avvoltoi: Musumeci ferma i lavori nel Parco d'Orleans

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Tragico incidente in auto, morto ragazzo palermitano di 20 anni

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

Torna su
PalermoToday è in caricamento