Concerto di Capodanno al Massimo, il ricavato consegnato a 6 associazioni

La somma servirà anche a garantire l'istruzione a 500 bambini dei campi profughi. Il progetto "Educate a child" dell'Unhcr scelto accanto a quelli di sei realtà cittadine. La portavoce Carlotta Sami: "Così la solidarietà di Palermo va nel mondo"

La cerimonia di consegna del ricavato a Palazzo delle Aquile

Il ricavato del Concerto di Capodanno, oltre che a sei associazioni della città che si occupano di ricerca e di cura, è stato devoluto all’Unhcr per un progetto che consentirà a 500 bambini – che vivono nei campi profughi del Sud del mondo – di avere accesso all’istruzione, con scuole, insegnanti, grembiuli e materiale didattico. Oggi, alla cerimonia ufficiale di consegna della somma (circa 52 mila euro) a Palazzo delle Aquile, è stata la portavoce dell’Unhcr Carlotta Sami a ringraziare per l’iniziativa il sindaco Leoluca Orlando, il presidente del consiglio comunale Salvatore Orlando e il sovrintendente del Teatro Massimo Francesco Giambrone.

“Questa donazione – ha detto – proietta l’impegno della città di Palermo sul piano internazionale, non c’è nessuna guerra che oggi non ci riguardi, nessuna guerra che possiamo considerare lontana. Il progetto Educate a Child si pone l’obiettivo di mandare a scuola un milione di bambini entro i prossimi due anni, 500 di questi lo faranno grazie a Palermo e al Teatro Massimo”.

“Palermo sarà Capitale della Cultura 2018 non soltanto in senso strettamente artistico o turistico – ha scandito il sindaco, Leoluca Orlando – Palermo è e sarà capitale della cultura dell’accoglienza, della solidarietà, della vita, valori che devono essere condivisi e diffusi”. “Grazie al grande cuore dei palermitani che non hanno lasciato neanche un posto vuoto a teatro e ci hanno consentito di raccogliere più di quanto avessimo previsto”, ha aggiunto il presidente del consiglio comunale Salvatore Orlando.

“Il Teatro Massimo di Palermo – ha detto il sovrintendente Francesco Giambrone – ha nella solidarietà un suo tratto distintivo, per questo devolviamo il ricavato delle prove generali delle nostre opere ad associazioni impegnate nel sociale e nella tutela della salute, quella di Norma di domani all’Airc. Il Concerto di Capodanno, che si ripete da quattro anni, è un’iniziativa da cui non si tornerà indietro”. Il ricavato, oltre che all’UNCHR, va all’Admo, associazione donatori di midollo osseo; l’Aisla, associazione sclerosi laterale amiotrofica; l’associazione Piera Cutino, che combatte la talassemia, l’associazione famiglie persone Down;  la Grande famiglia Onlus, che si occupa dei malati di Alzheimer; la Lilt, Lega italiana per la lotta contro i tumori.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Trovo vergognoso il vantarsi nell'aiutare i bambini dei campi profughi, quando è seriamente minato il diritto allo studio dei bambini Palermitani. Queste sono solo pagliacciate!

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    L'incidente di via Arcoleo, morta la bambina sbalzata fuori dall'auto

  • Incidenti stradali

    L’incidente alla Targa Florio, la giovane Gemma ancora in coma profondo

  • Sport

    Scandola-D'Amore su Skoda al comando della Targa Florio

  • Politica

    Formazione, l'Avviso 8 regge ma i punteggi vanno riformulati: graduatoria a rischio

I più letti della settimana

  • L'incidente di via Arcoleo, morta la bambina sbalzata fuori dall'auto

  • Incidente in via Giorgio Arcoleo, bambina sbalzata fuori da un'auto: è grave

  • Cinisi, si sporge dal balcone per raccogliere delle nespole e precipita: morta una donna

  • Denuncia il pizzo al Borgo e finisce sul lastrico: "Ho chiuso il bar e affogo tra i debiti"

  • Incidente a Isnello, tragedia alla Targa Florio: morti un pilota e un commissario di gara

  • Tremano le Eolie, terremoto avvertito nel Palermitano: scossa di magnitudo 3.8

Torna su
PalermoToday è in caricamento