Comune, scuole e commercialisti insieme per spiegare ai bambini l'importanza dei servizi pubblici

Il progetto si chiama "Facciamo squadra" ed è rivolto alle classi IV e V della scuola primaria. Orlando: "Solo con l’unione delle forze e delle risorse, umane e strumentali, è possibile erogare servizi efficienti e prendersi cura di una grande città come Palermo"

La presentazione del progetto Facciamo Squadra

Insegnare ai più piccoli l'importanza dei servizi pubblici. E' lo scopo del progetto di educazione civica "Facciamo Squadra". L'iniziativa è del Comune con l'Aidc (associazione italiana dottori commercialisti) e ha come obiettivo quello di illustrare le caratteristiche dei principali servizi pubblici della città nelle IV e V classi della scuola primaria. Alla conferenza stampa di presentazione hanno preso parte, tra gli altri, il sindaco Leoluca Orlando, gli assessori alla Scuola e all'Innovazione, Giovanna Marano e Iolanda Riolo, il comandante della polizia municipale,  Gabriele Marchese, i rappresentanti delle aziende partecipate e dell’associazione dei commercialisti.

Si tratta, in particolare, di un percorso informativo, calibrato sul linguaggio e gli strumenti comunicativi dei bambini più piccoli, sui servizi pubblici di Palermo che vengono organizzati ed erogati dalle società comunali partecipate Rap, Amat, Amap, Sispi e polizia municipale impegnata, oltre che nelle attività giornaliere di verifica del rispetto del codice della strada con i relativi controlli, anche nel programma di educazione stradale nelle scuole pubbliche. 

"'Facciamo Squadra' è un motto - ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando -. Significa che solo con l’unione delle forze e delle risorse, umane e strumentali, è possibile erogare servizi efficienti e prendersi cura di una grande città come Palermo, che quest'anno è capitale della cultura e delle Culture. Il progetto dà ampio risalto a tutti quei servizi pubblici che spesso non vengono percepiti integralmente nella vita quotidiana dai cittadini o che non sono conosciuti nella loro interezza. Ci restituisce il senso della comunità e ci fa uscire dall'individualismo, che ci fa vivere male, attraverso il tema centrale del rispetto delle regole per buone pratiche di educazione civica".

"Il progetto, inserito tra le iniziative di Palermo capitale della cultura - ha dichiarato l'assessore Riolo - vede la collaborazione di diverse forze che hanno deciso di sposare questa iniziativa e di fare squadra. Provengono dalle aziende a partecipazione comunale e da volontari che si spenderanno a favore della divulgazione dei 'doveri' dei cittadini del futuro per una giusta condivisione di spazi pubblici e di vita sostenibile. E' la consapevolezza che crea valore e cultura della collettività".

Le scuole elementari sono state informate via email dell’iniziativa comunale affinché si possa stilare un calendario organizzato degli eventi di presentazione, che si terranno da fine gennaio a fine maggio 2018. 

Potrebbe interessarti

  • Igiene in casa, ogni quanto si devono cambiare (davvero) lenzuola e asciugamani

  • Api, vespe e calabroni non si uccidono ma si allontanano: ecco i rimedi naturali

  • Cactus mania, avere piante grasse in casa non è solo bello ma fa anche (molto) bene

  • Bonus casa a chi ristruttura, detrazioni fiscali per l'acquisto di mobili e condizionatori

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia fra Palermo e New York, 19 arresti: decapitato mandamento di Passo di Rigano

  • Morto noto commerciante palermitano, era lo zio di Eleonora Abbagnato

  • San Vito Lo Capo, ragazzo monrealese di 20 anni cade dagli scogli e muore

  • Via D'Amelio, incontro in Questura: arriva Gigi D'Alessio e Fiammetta Borsellino va via

  • Medaglie d'Oro, "trasmetteva" Sky (quasi) gratis: nella stanza da letto 57 decoder e 187 mila euro

  • Mafia, blitz tra Palermo e New York: i nomi degli arrestati

Torna su
PalermoToday è in caricamento