Il Comune premia Lando Buzzanca: "Ha portato un po' di Palermo nel cinema"

La cerimonia si terrà a Villa Niscemi. A consegnare il riconoscimento sarà il sindaco Leoluca Orlando. Il consigliere Rita Vinci: "Un tributo che rinsalda ancora di più il rapporto fra la città e uno dei suoi figli migliori”

Lando Buzzanca, foto Facebook

Il Comune rende omaggio a Lando Buzzanca. L'attore palermitano riceverà una pergamena, tributo che la città di Palermo vuole rendere "a un grande attore che, con la propria arte, ha portato un po’ della sua Palermo nel cinema". La cerimonia, promossa dal consigliere comunale Rita Vinci, si terrà domani alle 17 a Villa Niscemi. A consegnare il riconoscimento sarà il sindaco Leoluca Orlando. 

“Lando Buzzanca è un grande artista – sottolinea Rita Vinci – ed è per questo che siamo orgogliosi e onorati di conferirgli a nome della città questo importante riconoscimento, che premia una lunga carriera ricca di successi, che Palermo oggi vuole sottolineare. Un tributo che rinsalda ancora di più il rapporto fra la città e uno dei suoi figli migliori”. 

Dopo gli studi all'Accademia Sharoff e alcuni film girati come comparsa - tra cui Ben-Hur in cui interpretava uno degli schiavi - il debutto ufficiale arriva nel 1961 con Pietro Germi, che lo sceglie per il ruolo di Rosario Mulè in "Divorzio all'italiana", e successivamente per la grottesca figura di Antonio, il fratello della protagonista, in "Sedotta e abbandonata". Anche se la critica non è sempre benevola, la sua vena comica e la sua recitazione spontanea incontrano un vasto consenso di pubblico. Nel 1970 interpreta in televisione "Signore e signora", in coppia con Delia Scala. La svolta arriva con "Il merlo maschio", commedia erotica all'italiana del 1971 diretta da Pasquale Festa Campanile. Dopo alcuni anni di attività in teatro, torna nel 2005 alla tv con una fiction intitolata "Mio figlio", diretta da Luciano Odorisio. Da diverse produzioni e la partecipazione a "Ballando con le stelle".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

Torna su
PalermoToday è in caricamento