Palermo tende la mano a clochard e bisognosi: tre nuovi centri aperti giorno e notte

Scopo del progetto, realizzato con i fondi del Pon Metro gestiti dal Comune e alcuni enti del privato sociale, è "favorire l'inclusione sociale di chi vive una condizione di disagio abitativo e marginalità"

Tre centri per dare assistenza, notte e giorno, ai meno fortunati. Palermo tende la mano ai bisognosi con il progetto "Poli diurni e notturni per l’accoglienza di soggetti fragili in povertà socio-sanitaria", realizzato con i fondi del Pon Metro gestiti dal Comune, da un'associazione temporanea di scopo composta da enti del privato sociale (Istituto Don Calabria, Centro Diaconale La Noce - Istituto Valdese, Croce Rossa Italiana - Comitato di Palermo, La Panormitana Onlus). 

Il progetto punta alla realizzazione di tre poli "per l’accoglienza diurna (per un totale di circa 30 posti) e notturna (per un totale di circa 72 posti) e lo svolgimento di attività di integrazione, presa in carico e inclusione attiva, oltre alla attivazione di un'unità di strada per il primo contatto. L'obiettivo dell'intervento è favorire l'inclusione sociale e accompagnare chi vive una condizione di disagio abitativo e marginalità verso la piena autonomia".

L'apertura di due delle tre strutture realizzate nell'ambito del progetto era stata anticipata a gennaio rispetto a quanto previsto dal cronoprogramma di realizzazione, a causa dell'emergenza freddo che ha colpito la città.

"La creazione di questi poli di accoglienza e condivisione - dicono il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore alla Cittadinanza Solidale, Giuseppe Mattina -  è la conferma del fatto che gli interventi strutturali realizzati con il Pon Metro, sono interventi che incidono profondamente sulla vita delle persone; che quella progettazione è stata fatta ponendo al centro i diritti di tutti e la necessità di offrire servizi e soluzioni soprattutto alla parte più fragile della popolazione. Un modo per ribadire che lo sviluppo urbano è tale solo se è inclusivo e non lascia fuori o indietro nessuno. Questi centri, realizzati con grande passione e dedizione da tante associazioni, confermano l'importanza del dialogo e della collaborazione fra amministrazione pubblica e privato sociale, in una ottica di comunità inclusiva e accogliente".
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Commovente, con tutti quei bacetti che manda.

  • Notizia fotocopia.

  • pero per il resto della società che non riesce a vivere e un continuo palliativo

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Le "vampe" di San Giuseppe infiammano la città, a Ballarò arance contro polizia e vigili

  • Cronaca

    Padre e figlio freddati allo Zen, convalidato l'arresto del reo confesso

  • Cronaca

    Zen sotto assedio, perquisizioni nelle case: preso 22enne con pistola e coca

  • Cronaca

    Arriva il presidente cinese, città blindata: divieti e strade chiuse al traffico

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Cocaina a gogò per i professionisti: terremoto nella mafia di Porta Nuova, 32 arresti

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

Torna su
PalermoToday è in caricamento