Il circolo The Factory restituisce alla città lo storico largo degli Abeti

Seconda "puntata" della nuova campagna di "guerrilla gardening" dal titolo: "E' nuovo? No, è lavato con The Factory". L'idea lanciata per sensibilizzare i cittadini al rispetto degli spazi comuni e del verde urbano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Largo degli Abeti 2-2Alle 23:59 del 1 Novembre, i ragazzi del circolo culturale The Factory hanno lanciato il secondo raid di ripristino del decoro urbano  nella villetta antistante il cinema Fiamma, all'angolo tra via Notarbartolo, via Libertà e via Marchese Ugo, nota come Largo degli Abeti. Sono state potate le siepi, ripulite le aiuole dai rifiuti e piantumate alcune piantine di rosmarino, pittosforo e chicas. L’azione “clandestina” di questa notte è parte della campagna di guerrilla gardening dal titolo: “E’ nuovo? No,è lavato con The Factory”.



La campagna, ideata per sensibilizzare i cittadini al rispetto degli spazi comuni e del verde urbano, ha già riscontrato l'interesse dell'amministrazione e degli abitanti del quartiere. Un dirigente dell'assessorato comunale all'Ambiente è passato a ringraziare per il lavoro svolto. Il Consigliere provinciale Giovanni Randisi è passato a dare una mano, ma soprattutto il gruppo di "guerrilleri" si è di molto allargato.

“Nei momenti di difficoltà, un contributo come il nostro deve servire a dare la scossa a tutti quelli che hanno a cuore la città: i cittadini devono fare di tutto per mantenerla come fosse il proprio salotto di casa, l'Amministrazione deve intervenire dove il singolo non può arrivare. Per bonificare certe discariche a cielo aperto servono molti più mezzi delle scope portate da casa”, ha detto il presidente Federico Nuzzo.

Il circolo The Factory non ha ancora compiuto un anno ma si è già consolidato come un importante centro di aggregazione giovanile nella zona Notarbartolo-Libertà. I valori a cui si ispira sono l'innovazione, il riformismo, il rispetto della legalità e delle diversità culturali.

 

Torna su
PalermoToday è in caricamento