Zona Calatafimi, non aveva la licenza: denunciato titolare di un centro scommesse

Sotto la lente anche bar e ristoranti nella zona della stazione. I controlli della polizia, effettuati insieme al personale dell'Asp, hanno fatto scattare circa 10 mila euro di multe

Una denuncia e multe per 10 mila euro. E' questo l'esito di alcuni controlli amministrativi effettuati dalla polizia in diverse zone della città. Sotto la lente ristoranti e bar ma non solo. Denunciato anche il titolare di un centro scommesse in zona Calatafimi. Nonostante la Questura non gli avesse rilasciato la licenza per ricevere giocate su eventi sportivi svolgeva illecitamente l'attività: durante il blitz, al quale ha partecipato anche il personale dei Monopoli di Stato, sono state sequestrate circa una sessantina di ricevute di avvenute giocate. 

In zona stazione, gli agenti sono tornati a fare visita a tre ristoratori, controllati qualche giorno prima, per verificare che avessero provveduto a mettere a posto le irregolarità riscontrate. Uno dei tre è risultato ancora non in regola con il sistema di autocontrollo Haccp: dovrà pagare 2 mila euro di multa. Multati anche i titolari di due bar: entrambi avevano occupato una ampia porzione di suolo pubblico con sedie e tavolini in eccesso rispetto al consentito. Dovranno pagare 173 euro ciascuno. Inoltre, in entrambe le cucine il personale dell'Asp ha riscontrato delle carenze strutturali e per questo i gestori si sono "beccati" anche una multa di 2 mila euro ciascuno. Infine, in un caso è emersa anche l’assenza di autorizzazione sanitaria, motivo per cui è stata elevata un’ulteriore sanzione di 3 mila euro. Dalla Questura non sono stati forniti i nomi dei locali sanzionati.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Sequestrate tutto.

  • considerato la situazione, quando ci saranno i controlli dei negozi alimentari gestiti da immigrati che si stanno moltiplicando a vista d'occhio? zona stazione Centrale e zona Oreto

    • Avatar anonimo di Fabrizio
      Fabrizio

      Non ci sono differenze, tutti vengono controllati. Il problema è, che le persone che fanno i controlli, sono poche rispetto il numero di locali cittadini. Immagino che sorpresa, per quelli che li hanno rivisti nel loro locali. Però son positivamente sorpreso, che due su tre avevano già messo in essere azioni per adeguarsi e sopperire alle loro manchevolezze.

    • Fatti.

Notizie di oggi

  • Video

    Salvini a Palermo, Orlando: "Sarò in aula bunker, ma non saluterò il ministro" | VIDEO

  • Cronaca

    Palermo si ferma per ricordare la strage di Capaci, le strade chiuse e i divieti

  • Politica

    A Palermo scoppia il caso taser, no dei vigili: "Rispettiamo volontà di Consiglio e sindaco"

  • Cronaca

    Plastica al bando nei lidi balneari, accordo Comune-gestori per la differenziata

I più letti della settimana

  • Falsi incidenti per truffare le assicurazioni, scoperta altra banda: 16 arrestati e 25 indagati

  • Incidenti finti, lacrime vere: "Mattoni per rompermi il braccio, piangevo ma non si fermavano"

  • La banda dei falsi incidenti, i nomi delle 41 persone coinvolte

  • "Ha provato a toccarmi", papà di una dodicenne picchia bidello di una scuola del Villaggio

  • Circoscrizioni a Palermo, gli indirizzi e i recapiti delle otto zone della città

  • Rapina al Lidl di via Roma, l'allarme lanciato su Facebook: arrestati tre minorenni

Torna su
PalermoToday è in caricamento