Cefalù, mosaici del Duomo a rischio: le tessere cadono giù dall'abside

A un anno dall'ingresso del monumento tra i Patrimoni dell'Umanità dell'Unesco, le preziose decorazioni bizantine sembrano correre "seri pericoli". Allertata la Soprintendenza

L'abside del Duomo di Cefalù (Foto: Valentina Portera)

Come lacrime del Cristo Pantocratore, vengono giù le tessere dei mosaici nel duomo di Cefalù. Si staccano giorno dopo giorno ormai da mesi. Ad un anno esatto dall’ingresso del monumento tra i Patrimoni dell’Umanità dell’Unesco, nell’ambito dell’itinerario arabo-normanno di Palermo, le preziose decorazioni bizantine sembrano correre seri rischi.

L’ultimo restauro dei mosaici risale agli anni ’80. I tempi adesso sarebbero maturi per un nuovo intervento conservativo, dal momento che le infiltrazioni di acqua dal tetto continuano a provocare danni. Le tessere cadute a terra sono sotto gli occhi di tutti, come documentato dalla giovane cefaludese Valentina Portera, che pochi giorni fa ha pubblicato su Facebook le foto che ritraggono i piccoli frammenti di mosaico sul pavimento della chiesa. “Vi auguro di non trovarvi mai in cattedrale e sentire un rumore simile a cristalli che cadono sul pavimento - scrive la ragazza sul social network - perché sapere da dove proviene quel rumore vi farà tremare il cuore, come è successo a me”. 

tessere cefalù2-3Il parroco del duomo, don Cosimo Leone, raggiunto al telefono, conferma che è stato già preso un primo contatto “interlocutorio” con la Soprintendenza per i Beni culturali di Palermo e con la fondazione Unesco Sicilia.  “Autorizzato dal vescovo, ho inviato una relazione sullo stato dei mosaici e su altre criticità che interessano il duomo – dice il sacerdote a PalermoToday – mi auguro che quanto prima si muova qualcosa. Il problema è che noi non abbiamo fondi e da soli non possiamo fronteggiare l’emergenza”.

Dall’altro lato, dalla Soprintendenza, ancora in alto mare per le mancate nomine nelle unità operative, fanno sapere di essere al corrente della vicenda. “Ho avuto contatti con don Leone – ci spiega Lina Bellanca, fino a poco tempo fa a capo della sezione per i Beni architettonici e adesso in stand by –  ma in questo momento siamo ancora in attesa di assegnazione, per cui non sono purtroppo legittimata a prendere provvedimenti specifici”.

L’architetto sottolinea che già due anni fa la Soprintendenza aveva invitato la Curia di Cefalù a presentare un progetto di manutenzione, ma nulla ancora è stato fatto. “È da parecchi anni che non s’interviene sulle coperture di questa parte del duomo, - spiega la Bellanca – è chiaro che adesso ci sono delle conseguenze. Inevitabilmente le infiltrazioni di acqua dal tetto hanno causato questi danni. So comunque che sono stati già presi contatti con un restauratore esperto nel campo dei mosaici”.

Intanto, nell’attesa che la Soprintendenza risolva il nodo delle nomine e che la Curia acceleri su un progetto di recupero, i mosaici bizantini perdono pezzi. Piccole tessere che pesano come macigni.

(Foto: Valentina Portera su Facebook)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a San Lorenzo, donna accusa malore e muore fuori da un locale

  • Era scomparso giovedì, 40enne ritrovato in centro: "Ha già abbracciato le sue bimbe"

  • Papà di tre bimbe sparisce nel nulla, ore di angoscia per i familiari di Alfonso Bagnasco

  • Incidente sulla Palermo-Mazara, tir sbanda e il conducente viene sbalzato sull'asfalto: è grave

  • Produce documenti falsi per percepire il reddito di cittadinanza: denunciato

  • Il duplice omicidio allo Zen, veglia notturna non autorizzata ai Rotoli: familiari allontanati

Torna su
PalermoToday è in caricamento