Cavaliere (Quinta Circoscrizione): "Strade stracolme di rifiuti, si contatta la Rap ma è tutto inutile"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il Consigliere della Quinta Circoscrizione Giusy Cavaliere dopo che nei giorni scorsi aveva lanciato un appello ai cittadini del quartiere Zisa invitandoli a non abbandonare rifiuti ingombranti per strada torna alla carica. Ci numerose strade della Quinta Circoscrizione stracolme di rifiuti come frigoriferi, divani mobili e interi pezzi sanitari abbandonati lungo le strade della città. Eppure la Rap l'azienda municipalizzata che si occupa dello smaltimento rifiuti ha messo a disposizione un servizio di raccolta: basta chiamare il numero verde (esclusivamente da telefono fisso) consigliato sul sito internet dell'azienda e risolvere il problema in teoria. Ma in pratica la realtà è diversa, numerosi cittadini lamentano il disservizio. Gli operatori rispondono in tempo reale alle domande e forniscono informazioni su tutti gli uffici e i servizi si legge sul sito dell'azienda. Gli utenti chiamano di prima mattina per smaltire mobili ed elettrodomestici vari per non lasciarli in strada ma dopo diversi tentativi si scoraggiano perché non riescono a mettersi in contatto, la linea cade. Un altro tentativo al numero dedicato ai cittadini questa volta risponde la segreteria: «Ci sono quindici utenti in attesa, potrà essere servito in una mezz'ora, non riagganci». Allora il terzo tentativo, il quarto e ancora il quinto. Tutti andati a vuoto per la lunga lista di utenti in attesa. Passano delle ore magari la linea si è sbloccata. Finalmente dall'altro capo del telefono risponde una voce femminile. Ma questa volta oltre al danno c'è la beffa: «Per ogni informazione sul ritiro dei rifiuti ingombranti basta contattare il numero verde. Pertanto a mio avviso la colpa per il numero elevato di abbandono dei rifiuti ingombranti non è da attribuire solamente ai cittadini Palermitani .

Torna su
PalermoToday è in caricamento