Caso Maniaci, accolta la richiesta della difesa: il giornalista non sarà processato con i boss

Il direttore di Telejato sarà processato da un giudice monocratico poiché non c'è nessun nesso tra l'accusa a lui rivolta, estorsione semplice, e le accuse contestate agli altri 11 imputati che rispondono, a vario titolo, di associazione mafiosa ed estorsione aggravata

Pino Maniaci

Il processo che riguarda il giornalista Pino Maniaci, accusato di estorsione, è stato stralciato dal resto dell'operazione che coinvolge i mafiosi di Borgetto: il direttore di Telejato sarà processato da un giudice monocratico. Lo ha deciso la seconda sezione del tribunale, presieduta da Benedetto Giaimo, accogliendo la richiesta dei legali Bartolo Parrino e Antonio Ingroia. 

Mentre gli altri 11 imputati al processo rispondono, a vario titolo, di associazione mafiosa ed estorsione aggravata, a Maniaci si contestano episodi di estorsione semplice. Secondo la difesa, dunque non ci sarebbe alcuna connessione con i reati per cui i boss di Borgetto e Partinico sono a giudizio. Ricostruzione condivisa dal tribunale.

Maniaci, per anni volto simbolo dell'antimafia, è finito nella bufera nel maggio 2016 quando i carabinieri hanno messo a segno l'operazione Kelevra con l'arresto di 10 persone a Borgetto. Il nome del giornalista venne fuori mentre i carabinieri indagavano sulle pressioni ricevute dal sindaco di Borgetto. Il direttore dell'emittente di Partinico avrebbe ricevuto somme di denaro e agevolazioni dai sindaci di Partinico e Borgetto per evitare commenti critici sull'operato delle amministrazioni. Poche centinaia di euro - 100, 150 - che sarebbero stati ottenuti con la minaccia. Ma Maniaci, che ha sempre respinto tutte le accuse, è accusato di aver estorto a Salvatore Lo Biundo, primo cittadino di Partinico, anche un’assunzione per l'amante.  

Il giornalista è accusato anche di avere ucciso i suoi cani e di avere fatto passare l'episodio per una minaccia mafiosa nei suoi confronti. Il tribunale ha ammesso, come parti civili al processo, due associazioni animaliste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, gli spostamenti della turista bergamasca: "Ha girato per Palermo, indagini su dove è stata"

  • Coronavirus, primo caso a Palermo: turista di Bergamo è positiva

  • Rissa fuori dalla discoteca, ragazzo di 21 anni muore accoltellato a Terrasini

  • Coronavirus a Palermo, i contagiati tra i turisti bergamaschi salgono a tre

  • Coronavirus, Musumeci: "Sospensione lezioni nelle scuole di Palermo e provincia"

  • Incidente in autostrada a Tommaso Natale, morto un automobilista

Torna su
PalermoToday è in caricamento