Carini, demolita cappella votiva abusiva: era stata costruita in omaggio al boss

Il simulacro di San Vito era stato collocato negli anni '90 alla rotonda dello svincolo dell'autostrada in onore all'allora capomafia Nino Pipitone. Il sindaco Giovì Monteleone: "Ripristiniamo la legalità"

La cappella rimossa

La cappella votiva con il simulacro di San Vito, patrono di Carini, edificata negli anni '90 alla rotonda dello svincolo dell'autostrada non c'è più. E' stata demolita su ordinanza del Comune perchè abusiva. La mancanza di autorizzazione è emersa la scorsa estate quando i carabinieri, vedendo che erano in corso dei lavori di ristrutturazione, hanno effettuato dei controlli. E' stato accertato che si trattava di una costruzione abusiva realizzata, per gli investigatori, per rendere omaggio all'allora capomafia Nino Pipitone. 

Demolito il simulacro, resta aperta l'indagine legata alla costruzione del manufatto. In paese però c'è chi non ha accolto di buon grado la decisione dell'amministrazione. Il sindaco Giovì Monteleone sottolinea che "si tratta del ripristino della legalità. Per la ricollocazione della statua si troverà un altro sito che sia idoneo dal punto di vista urbanistico e adeguato alla venerazione dei devoti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Reddito di cittadinanza, parte la fase 2: i lavori socialmente utili diventano obbligatori

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • Spopola a Palermo la truffa dello specchietto: "Piovono segnalazioni..."

Torna su
PalermoToday è in caricamento