Carabinieri piombano a Ballarò: "140 cardellini intrappolati in gabbie minuscole"

I piccoli uccelli erano stati "rinchiusi" in condizioni di grave sofferenza: non potevano né volare, né muoversi. Dopo l'intervento delle forze dell'ordine tutti gli esemplari sono stati liberati all’interno del Parco d’Orleans

I cardellini intrappolati

E' di 140 cardellini sequestrati il bilancio dell'operazione dei carabinieri forestali nel cuore del mercato di Ballarò. In azione, nella prima mattinata di ieri, gli uomini del nucleo Cites di Palermo, coadiuvati dai "colleghi" del distaccamento di Punta Raisi e da quelli della stazione carabinieri di piazza Marina. Nel corso dell'operazione è stato sequestrato anche un esemplare di Fringilla coelebs (fringuello). Alla fine è stato denunciato un uomo.

"L’attività - hanno spiegato dal comando provinciale - come di consueto è stata preceduta da un periodo di osservazione delle persone coinvolte, grazie alle segnalazioni pervenute dai volontari del Cabs, ovvero il Comitato contro l'uccellagione – un'organizzazione per l'intervento e l'azione diretta contro i reati a danno dell’avifauna - che ha permesso di rintracciare  anche i luoghi dove erano nascosti gli uccelli". I volatili che sono stati sequestrati sono considerati specie "particolarmente protetta" dalla convenzione internazionale di Berna del 1979.

I piccoli uccelli si trovavano all’interno di 12 gabbie anguste - dicono i carabinieri - in condizioni di grave sofferenza al punto da impedire loro non solo di volare ma anche di muoversi all’interno. Gli esemplari sono stati sottoposti a visita medico veterinaria dal personale di turno del dipartimento di prevenzione veterinaria dell’Asp di Palermo che ne ha attestato l’idoneità alla reimmissione in natura. Intorno alle 13.30 tutti gli esemplari sono stati liberati all’interno del Parco d’Orleans.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’intervento di ieri è solo l’ultimo di una lunga serie - dicono i carabinieri - che ha consentito di assestare un duro colpo a questo odioso fenomeno. La conservazione del patrimonio di biodiversità costituisce una delle mission dell’Arma dei carabinieri. La tutela di queste risorse deve partire anche dall’impulso dei cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ponte Oreto, ragazza si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

  • Furti di gasolio in discarica, coinvolti dipendenti Rap: i nomi degli arrestati

Torna su
PalermoToday è in caricamento