All'Ucciardone spunta il lavoro dietro le sbarre: "Detenuti in cerca di riscatto"

Nel carcere troveranno presto sede una lavanderia industriale e un laboratorio per il confezionamento dei detersivi: "Con i loro guadagni i detenuti possono sostenere le loro famiglie"

Ucciardone, lavoro in carcere: siglato protocollo

Il carcere dell’Ucciardone ha siglato un accordo con due imprese operanti in Sicilia, per la realizzazione di insediamenti produttivi all’interno dello stesso penitenziario. “Nel carcere troveranno presto sede una lavanderia industriale e un laboratorio per il confezionamento dei detersivi – afferma il deputato azzurro Vincenzo Figuccia –. Nella fase di avvio saranno coinvolti circa dieci detenuti-lavoratori, in un progetto di rieducazione che vede proprio nel lavoro un tassello fondamentale".

I locali deputati alla produzione, precedentemente utilizzati come magazzini, sono messi a disposizione in comodato d’uso gratuito dall’Ucciardone. "Il percorso intrapreso è una vera e propria occasione di riscatto per persone che decidono di cambiare per davvero", dice Figuccia.

Le imprese che hanno sottoscritto l’accordo con l’istituto penitenziario sono la Papalini Spa, azienda marchigiana ma che opera in Sicilia, già con 500 dipendenti, e la Intrachimica del ragusano. “Le attività rientreranno in un progetto di inserimento lavorativo precedentemente avviato dall’Ucciardone, che vede già in funzione negli ambienti dell’Istituto un pastificio e una sartoria – afferma la direttrice del carcere Rita Barbera –. Con i loro guadagni i detenuti coinvolti nel progetto, debitamente formati, possono sostenere anche le loro famiglie, molte delle quali vivono in condizioni di disagio. Lavoro è sinonimo di dignità, il nostro impegno va in questa direzione”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Per quanto sia corretto dare un opportunità di sostegno per le famiglie a queste persone ricordiamoci che il 40% dei giovani palermitani è senza un lavoro e che la priorità MASSIMA va data prima a loro. Svegliatevi, il futuro di Palermo sono i giovani, non i condannati e i carcerati!!!

  • Ottimo, così non ci sarà più nessuna scusa per chiedere il pizzo.

Notizie di oggi

  • Mafia

    La riunione tra i capi nella casa segreta di Baida: "Tavola piena di dolci, mancava solo un boss..."

  • Mafia

    Boss si pente, terremoto nella mafia palermitana: arrestati il nipote del "Papa" e il figlio di Lo Piccolo

  • Cronaca

    Vittorio Teresi, pm della Trattativa: "Aprire gli archivi e buttare fuori tutti i segreti"

  • Politica

    Rimpasto di Giunta, tempi più lunghi: Orlando tira il freno a mano e mischia le carte

I più letti della settimana

  • Boss si pente, terremoto nella mafia palermitana: arrestati il nipote del "Papa" e il figlio di Lo Piccolo

  • Incidente in via Libertà, tre feriti gravi: "Urla strazianti, un intero quartiere è sceso in strada"

  • Incidente sulla Palermo-Sciacca, auto contro scooter: morto sedicenne

  • Via Oreto, muore d'infarto mentre è al volante

  • Suicidio in zona viale Lazio, si lancia dal quinto piano e muore

  • Inseguimento da film, furgone contromano in viale Regione si scontra con la polizia: 4 feriti

Torna su
PalermoToday è in caricamento