Arrivano i biscotti "Cotti in Fragranza", prodotti dai detenuti del Malaspina

All'interno dell'istituto penale c'è un vero e proprio biscottificio, attivato in collaborazione con l'associazione nazionale magistrati, l'Opera Don Calabria e l'Istituto San Zeno. I prodotti saranno commercializzati

Foto Facebook

Ragazzi che hanno compiuto un reato e scontano una condanna, ma soprattutto giovani con la voglia di riprendere in mano la propria vita e ricominciare da zero magari con una capacità lavorativa in più. I detenuti del "Malaspina" diventano fornai nell'ambito del progetto "Cotti in Fragranza - se non li gusti non li puoi giudicare” gestito dalla cooperativa sociale “Rigenerazioni” onlus,

All'interno dell'istituto penale c'è un vero e proprio biscottificio, attivato in collaborazione con l'associazione nazionale magistrati, l'Opera Don Calabria e l'Istituto San Zeno e presentato ufficialmente lo scorso 13 maggio, durante la visita del presidente del Senato Piero Grasso. Oggi l'inaugurazione. Presenti, tra gli altri, l'assessore alla Cittadinanza Sociale, Agnese Ciulla, il grante per i diritti dell'Infanzia Lino D'Andrea, il presidente della V commissione consiliare, Fausto Torta, e una delegazione della polizia municipale.

Il laboratorio dispone di tutte le attrezzature necessarie per una produzione iniziale di circa 150 kg di biscotti a settimana. I prodotti saranno commercializzati. "Un esempio unico in tutta Italia - ha detto l'assessore Ciulla - di processo di riabilitazione sociale attraverso l'utilizzo dei mestieri tradizionali che qui si trasformano in una vera e propria arte culinaria. L'amministrazione comunale farà la sua parte e invita tutta la cittadinanza a sostenere questa splendida iniziativa, che è parte di un percorso di collaborazione forte e profondamente sentita fra enti pubblici e privati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Reddito di cittadinanza, parte la fase 2: i lavori socialmente utili diventano obbligatori

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • Spopola a Palermo la truffa dello specchietto: "Piovono segnalazioni..."

Torna su
PalermoToday è in caricamento