Busalacchi contro Pif: "Cerca notorietà per non scomparire, sa solo offendere"

Durissimo il candidato alla presidenza della Regione (I Nuovi Vespri): "Non è questo il modo di rivolgersi a chi rappresenta le istituzioni, non si trattano così le persone"

Crocetta e Pif a confronto

“Sono, notoriamente, molto critico verso il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta. Ma quello che è avvenuto ieri ci lascia basiti. Il signor Pif non si può permettere di trattare così il governatore della nostra Isola. Non è questo il modo di rivolgersi a chi rappresenta le istituzioni. E, in generale, non è questo il modo di trattare le persone”. Parole e musica del candidato alla presidenza della Regione siciliana per I Nuovi Vespri, Franco Busalacchi.

A Busalacchi non è andato giù lo sfogo "colorito" con il quale l'attore e regista palermitano ha invitato Crocetta a dimettersi. "Ormai, gli uomini di spettacolo a corto di audience, quando debbono incassare un po’ di notorietà per non scomparire, sparano a zero sulla Sicilia e su chi la rappresenta nelle nostre istituzioni - dice Busalacchi -. Il dramma è che questi personaggi, che sanno solo offendere, spesso sulla base di motivazioni sbagliate, non si accorgono che, così facendo, non descrivono la Sicilia, ma se stessi”.

E' stato durissimo lo scontro tra Pif e Rosario Crocetta, avvenuto durante la protesta di un gruppo di disabili in piazza Indipendenza. La contestazione è nata sull’onda del caso che ha travolto l’assessore regionale al Lavoro Gianluca Miccichè, costretto a dimettersi per essere stato ripreso dalle Iene mentre evitava di incontrare due fratelli disabili e, una volta a casa loro per scusarsi, chiedeva loro aiuto per restare al suo posto. “Volendo entrare nel particolare della storia dei disabili lasciati senza assistenza - osserva ancora Busalacchi - non si comprende perché, prima l’ex assessore al Lavoro Gianluca Miccichè e, ieri, Crocetta, non abbiano detto come stanno le cose. E cioè che i tagli al Fondo nazionale per la disabilità grave e i tagli alla legge nazionale n. 328 del 2000 - legge che finanzia gli interventi nel sociale - sono stati disposti dal Governo nazionale”. 

Il candidato alla presidenza della Regione siciliana per I Nuovi Vespri, aggiunge: “Crocetta che subisce gli attacchi di Pif senza raccontare la verità - dice sempre il candidato de I Nuovi Vespri alla guida della Sicilia - dimostra, ancora una volta, di essere complice di un Governo nazionale che, in questi anni, ha penalizzato pesantemente la nostra Isola, scippando alla nostra Regione ingenti risorse finanziarie con la ‘benedizione’ dello stesso Crocetta che, evidentemente, non vuole fare i conti con la propria cattiva coscienza di ascaro subalterno. Sono gli scippi finanziari di Roma che stanno determinando il default della Regione - precisa Busalacchi -. La sceneggiata fatta ieri da Pif serve a lui per restare sulla scena e al PD renziano, al quale il signor Pif è vicino, per confondere i Siciliani che, associando Pif a Renzi, pensano che il PD renziano ‘difenda’ la Sicilia mentre Crocetta sarebbe il ‘cattivo’. Ma i Siciliani hanno capito lo squallore di questo gioco delle parti”. 

“Quando governeremo noi - conclude Busalacchi - metteremo Pif alla prova. Vogliamo vedere se difenderà la Sicilia quando chiederemo allo Stato ciò che ci ha negato e derubato in tutti questi anni, dai fondi dell’articolo 38 alle risorse della sanità, per citare solo due esempi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento