Buona scuola, fase "C" e assunzioni: "Ora tocca alle scuole"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Nelle parole pronunciate dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, all'inaugurazione dell'anno scolastico in una scuola di Ponticelli, nella zona orientale di Napoli, si ritrovano i contenuti del nostro appello per il potenziamento dell'area della legalità. Guardiamo con entusiasmo e speranza alle affermazioni fatte e ci auguriamo che i principi di onestà, di integrità e di rettitudine siano sempre più rafforzati all'interno del nostro sistema socio-educativo.

Siamo convinti, che, ancora di più oggi, solo attraverso l'educazione alla legalità e ai diritti umani si possano diffondere i valori dell'etica morale, della giustizia, del rispetto della persona umana, della libertà, della democrazia nelle future generazioni. Ci auguriamo così che in ogni scuola, grazie anche al piano straordinario di assunzione della "Buona Scuola", ci sia almeno un docente indicato per il potenziamento della legalità, in modo da dar seguito alla lotta contro le mafia, la corruzione, il favoritismo, la rassegnazione.

"La mafia - diceva Antonino Caponnetto - teme più la scuola che la giustizia. L'istruzione toglie erba sotto i piedi della cultura mafiosa". Ora tocca al mondo della scuola formulare la propria scelta e dare seguito alle importanti frasi pronunciate dal Presidente della Repubblica. (fonte: il professore Romano Pesavento, presidente coordinamento nazionale dei docenti della disciplina dei diritti umani).

Torna su
PalermoToday è in caricamento