Zio scambia professore per un bullo e gli dà una testata, carabinieri al Nautico

Intervento del 112 e di un'ambulanza al Gioeni Trabia di corso Vittorio Emanuele. L'uomo che avrebbe colpito il docente era intervenuto in difesa del nipote. Dietro l'aggressione un equivoco e un'escalation di episodi di violenza a scuola

I carabinieri e i sanitari del 118 intervenuti al Nautico

Bulli, “bullizzati”, equivoci e colpi proibiti. Si può riassumere così il movimentato pomeriggio di oggi all'istituto nautico Gioeni di corso Vittorio Emanuele dove sono intervenuti i carabinieri e un’ambulanza del 118 per soccorrere un docente che era stato colpito al volto con una testata in circostanze ancora tutte da chiarire.

I militari intervenuti sul posto hanno cercato di ricomporre il puzzle ascoltando il racconto delle varie parti coinvolte e dei testimoni che avrebbero assistiti alla scena. Secondo una prima ricostruzione ci sarebbe stata l'ennesima accesa discussione fra due studenti, iniziata lungo i corridoi e continuata fuori, a pochi passi da Porta Felice.

Quello di oggi, però, sarebbe solo l’ultimo di una lunga serie di episodi di bullismo a scuola. Per questo sarebbe intervenuto lo zio di un giovane, vessato da tempo dai compagni, che avrebbe assistito alla conversazione tra i due durante la quale il nipote avrebbe anche mollato uno schiaffo al coetaneo che da tempo gli darebbe il tormento.

In quel frangente avrebbe preso parte alla discussione anche un giovane professore del Nautico che lo zio, in quella bolgia, avrebbe scambiato per un altro studente. Non è ancora chiaro come il parente del giovane bullizzato, durante la discussione, abbia colpito il docente al volto rendendo necessario l’intervento di un’ambulanza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il docente, dolorante, a quel punto si è rifugiato in una delle aule dove i soccorritori del 118 hanno controllato il suo volto per valutare l’entità delle lesioni riportate. Toccherà ai carabinieri, in attesa di raccogliere eventuali denunce, cercare di capire cosa sia accaduto in quell’ora che ha “animato” uno dei pomeriggio del Nautico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

Torna su
PalermoToday è in caricamento