Scopre che l'ex marito ha un'altra e gli fa bruciare l'auto: condannata

Tre anni per Maria Marino, 38 anni, e per il suo nuovo compagno Calogero Billitteri. Le telecamere lo hanno ripreso mentre cosparge di benzina la vettura dell'ex coniuge della donna (un carabiniere) e della sua nuova fidanzata

Il tribunale di Palermo

Avrebbe minacciato e fatto incendiare l’auto all’ex marito (nonché carabiniere) e alla sua nuova compagna dopo aver scoperto una storia di infedeltà. Il gip Nicola Aiello ha condannato a 3 anni Maria Marino, palermitana di 38 anni, per i reati di stalking e danneggiamento. Insieme a lei condannato anche il nuovo compagno, Calogero Billitteri, pure lui 38enne.

I fatti si sono verificati da maggio a ottobre 2017 e, secondo quanto ricostruito dal pm Giulia Beux, tutto sarebbe nato a seguito di una separazione chiesta dalla Marino dopo aver scoperto il tradimento da parte dell'ex marito.

Una volta troncata la relazione la 38enne cominciò una nuova storia con Billitteri, pizzaiolo. E’ stato lui, come poi ha ammesso, a dare fuoco all’auto del carabiniere e della sua nuova compagna: a incastrarlo alcune telecamere che lo hanno inquadrato mentre cospargeva i mezzi di benzina. Inutili i suoi tentativi di scagionare la compagna, condannata per gli stessi reati in quanto considerata la mandante. Sarebbe stata lei a telefonare all’ex dicendo a ottobre 2017: "Te le taglio e te le metto in bocca…non fare il carabiniere con me…grandissimo st****".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

Torna su
PalermoToday è in caricamento