Istituto comprensivo Politeama, il mondo della scuola fa squadra: ristrutturata l’aula Magna

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Grande momento per l’Istituto comprensivo “Politeama” che, dopo il boom di iscrizioni alla scuola secondaria di primo grado tale da fare istituire una nuova sezione, nella quinta giornata di rendicontazione sociale, ha ospitato le più alte cariche del mondo scolastico ed il sindaco Leoluca Orlando. Al tavolo degli interventi, allestito al plesso Federico II, nel quartiere Borgo Vecchio, la nuova preside Aurora Fumo, il direttore dell’Usr Maria Luisa Altomonte, il provveditore agli Studi Marco Anello, il presidente dell’Associazione A.GE Sebastiano Maggio ed il primo cittadino hanno sottolineato l’importanza del lavoro sinergico tra risorse interne ed esterne in un costante intervento di cooperazione finalizzato alla lotta contro la povertà culturale. La dirigente scolastica Fumo si è soffermata sul ruolo fondamentale che la scuola di oggi deve ricoprire come luogo di formazione e di  strutturazione del capitale umano e sociale, nonché come laboratorio di promozione culturale per l’abbattimento dei confini culturali e valoriali presenti tra un quartiere ed un altro nella città di Palermo. La sala, gremita di genitori, ha gradito la rendicontazione effettuata dalla scuola con particolare riferimento ad un progetto portato avanti con l’Associazione Genitori nel plesso Federico II di via Pier delle Vigne che ha avuto come esito finale la ristrutturazione dell’aula Magna. Gli interventi sono stati piacevolmente intervallati da varie performances musicali, di tutti i segmenti scolastici presenti nell’Istituto, sapientemente coordinati dai docenti. Erano presenti, in seno alle collaborazioni tra scuole, gli alunni dell’Istituto Alberghiero Pietro Piazza che  si sono occupati dell’accoglienza dei numerosi ospiti. Grande apprezzamento è stato espresso, da parte di tutti i convenuti al tavolo di lavoro, per la carica umana e professionale della dirigente scolastica la quale ha precisato che i positivi risultati ottenuti sono il frutto di una visione ampiamente condivisa da parte di tutti gli attori della comunità scolastica. L’impegno assunto dal sindaco Orlando, dal direttore dell’Usr e dalla preside è quello di un prosieguo produttivo e sempre più fecondo del lavoro di squadra caratterizzato dalla costante interlocuzione tra scuola, famiglia, ente locale e associazioni. I genitori degli alunni del quartiere Borgo Vecchio auspicano la riapertura del plesso Serpotta, sottodimensionato da anni, oltre che nuovi e futuri scenari per un territorio che, come ha sottolineato la Fumo, necessita di cure ed attenzioni particolari da parte di tutte le istituzioni. 


.
 

Torna su
PalermoToday è in caricamento