Auto dell'attivista di Libera a fuoco, dubbi sulla pista mafiosa: fiamme partite da rifiuti

Gli investigatori hanno acquisito un video in cui si vedrebbe un uomo appiccare il fuoco a un cumulo di immondizia non lontano dalla vettura, parcheggiata al Borgo Vecchio

L'auto dell'attivista di Libera

Il rogo che ha bruciato l'auto di Chiara Natoli, l'attivista di Libera che la scorsa settimana ha guidato la manifestazione in memoria delle vittime di mafia, potrebbe non essere riconducibile a Cosa nostra. L'ipotesi che si è fatta strada nelle ultime ore è che siano stati incendiati dei rifiuti e le fiamme si siano propagate fino alla vettura, parcheggiata in una strada del Borgo Vecchio non lontano dalla caserma della Guardia di finanza.

A fuoco auto di un'attivista di Libera, Don Ciotti: "Una sfida per tutti noi“

Le immagini riprese da una videocamera in zona e i primi accertamenti degli investigatori farebbero pensare al gesto di un uomo che, armato di accendino, avrebbe incendato un cumulo di rifiuti. Un fatto già accaduto, quasi nello stesso punto, nelle scorse settimane.

Il fatto che l'incendio si sia verificato poco dopo la manifestazione di Libera e che la proprietaria dell'auto sia una delle attiviste in prima linea aveva fatto pensare a un'intimidazione. Immediate le attestazioni di vicinanza e solidarietà, da parte del mondo politico e della società civile. Adesso la nuova pista. Le indagini della polizia sono ancora in corso.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Da ridere... E adesso?

  • E che c'entrano le Brigate del cavolo? Un'organizzazione terroristica morta e sepolta da 40 anni! Le solite affermazioni inutili per creare confusioni e depistaggi.

  • come volevasi dimostrare...ancora una volta insulti da tutta italia per una caz.. ...paòermitani arrisvigghiativiiiiiii....puri l'ossa si stannu manviannu

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Attenzione anche alle brigate rosse.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il camionista palermitano che sognava una strage in nome dell'Isis: convalidato il fermo

  • Economia

    Reddito di cittadinanza, provincia di Palermo sul podio nazionale: accolte 26.204 istanze

  • Cronaca

    "Calmi, nessuno si farà male": con le tute da imbianchino e la pistola rapinano Carrefour

  • Cronaca

    Villabate, furto in chiesa durante la Settimana Santa: rubati il pc del parroco e le offerte

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Tragico incidente in auto, morto ragazzo palermitano di 20 anni

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

Torna su
PalermoToday è in caricamento